L'OPERAZIONE

Condanne per mafia fino a 25 anni, un arresto nella Tuscia

Una delle 22 persone condannate in Puglia, rintracciate dalla polizia nella provincia di Viterbo

Arresto nella Tuscia nell'ambito di un procedimento su un'organizzazione mafiosa autonoma attiva nel territorio di San Severo, in provincia di Foggia. Ventidue persone, tra le quali alcuni esponenti di spicco dei due riconosciuti clan attivi nel territorio di San Severo, sono state condannate a pene che vanno dagli 11 mesi ai 25 anni di reclusione. Una sentenza della corte d'appello di Bari, diventata definitiva il 17 maggio scorso.

Nei confronti dei 22 condannati questa mattina, mercoledì 3 luglio, la polizia ha eseguito altrettanti provvedimenti emessi dall'ufficio esecuzioni penali della procura generale di Bari. Impiegati sessanta agenti, entrati in azione anche in provincia di Viterbo per un uomo residente. I provvedimenti riguardano quindici arresti in carcere e sette sospensioni dell'esecuzione che consentono ai rispettivi condannati di chiedere una diversa modalità di espiazione della pena: dai domiciliari all'affidamento in prova ai servizi sociali. Le 22 persone sono state rintracciate, oltre che nella Tuscia, nelle province di Foggia, Napoli, Chieti e Ascoli Piceno.

A coordinare le indagini la procura distrettuale antimafia di Bari. A giugno 2019 il giudice per le indagini preliminari ha adottato un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale nei confronti di 56 persone indagate, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, tentata estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio di droga, danneggiamento, reati in materia di armi, tentato omicidio. Reati tutti aggravati dalle finalità mafiose. Al termine della vicenda giudiziaria, che ha già visto l'esecuzione della condanna per alcuni tra gli imputati, è stata emessa la sentenza che interessa 22 dei 56 arrestati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condanne per mafia fino a 25 anni, un arresto nella Tuscia
ViterboToday è in caricamento