rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
TERRORISMO

Blitz contro la mafia turca, in carcere anche un viterbese: "Trasportava armi e soldi". Tutti i nomi degli arrestati

Oltre al presunto boss Baris Boyun, che si trovava a Bagnaia, altre sette persone sono finite in manette in provincia

Blitz contro la mafia turca, 18 le persone finite in carcere su un totale di 20 indagati. Nella Tuscia le ordinanza di custodia cautelare sono scattate nei confronti di otto persone, tra cui il presunto boss Baris Boyun. Il 40enne di origini curde, nato in Turchia, si trovava a Bagnaia ai domiciliari: nell'abitazione di via Cardinal de Gambara le forze dell'ordine hanno fatto irruzione all'alba di mercoledì 22 maggio.

Nella Tuscia gli arresti sono avvenuti, oltre che a Bagnaia, a Vetralla, Nepi, Tuscania e Montefiascone. Si tratta di tutte persone con origini turche che vivevano in provincia. Unico viterbese il 30enne Giorgio Meschini. "Quale componente l'associazione - si legge nell'ordinanza di 112 pagine -, fornisce un supporto logistico all'associazione trasportando gli associati e assistendoli negli spostamenti "necessari" e funzionali alle esigenze e scopi associativi sull'intero territorio nazionale, mettendo "a disposizione" l'auto a lui in uso per il trasporto di armi e denaro illecito".

VIDEO | Terrorismo, armi e droga: il blitz contro l'organizzazione turca

Nel motivare la richiesta di custodia cautelare del pm inquirente, il gip di Milano Roberto Crepaldi scrive: "È evidente che il valore aggiunto di Meschini è certamente la conoscenza della lingua e del territorio. Non vi è dubbio che fosse consapevole dell'attività criminale svolta dai sodali e che abbia colto la dimensione plurisoggettiva dell'attività illecita, proprio durante i viaggi per il prelievo del denaro e delle armi, nel corso dei quali ha avuto modo di confrontarsi con gli altri sodali e di comprenderne ruolo e mansioni. Gli alti sodali non avevano remore ad aprirsi o ad affidargli il compito di recuperare e trasportare le armi, evidentemente considerandolo "uno di loro"".

Arresto Baris Boyun-3

Meschini è stato portato in carcere perché, secondo il gip, "il pericolo di fuga è evidentemente collegato al contesto associativo nel quale risulta inserito. Sussiste, in particolare, oltre al periodo di reiterazione di condotte analoghe, anche il pericolo che sfrutti le relazioni con eventuali altri correi rimasti in libertà per fuggire all'estero – anche in Europa – dove sono situate altre articolazioni della medesima associazione".

I 18 arrestati, tutti ritenuti appartenenti al clan criminale, sono residenti tra Italia, Svizzera, Germania e Turchia. Sono indagati, a vario titolo, per associazione per delinquere aggravata anche dalla transnazionalità, banda armata diretta a costituire un'associazione con finalità terroristiche e a commettere attentati terroristici, quindi detenzione e porto illegale di armi "micidiali" e di esplosivi, traffico internazionale di stupefacenti, omicidio e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Durante le indagini intercettazioni telefoniche e ambientali nei confronti del gruppo criminale, servizi di osservazione e pedinamento. Un'operazione internazionale, avendo coinvolto anche le autorità turche, interforze e dell'Interpol, antiterrorismo e anticriminalità organizzata.

Baris Boyun

I nomi degli arrestati

1. Akarsu Kerem, nato in Turchia

2. Aytekin Cemil, nato in Turchia

3. Bingol Okan, nato in Turchia

4. Boyun Baris, nato in Turchia

5. Boyun Ece, nata in Turchia

6. Burulday Abutalip, nato in Turchia e residente a Catania

7. Buyukkaplan Ozge, nata in Turchia

8. Cancin Friki Faith, nato in Turchia

9. Cogalan Firat, nato in Turchia e residente a Vetralla

10. Demir Bayram, nato in Turchia e residente a Nepi

11. Durmus Ahmet, nato in Turchia e residente a Vetralla

12. Gultepe Tolga, nato in Turchia e residente a Crotone

13. Kertlez Onal, nato in Turchia e residente in Svizzera

14. Meschini Giorgio, nato e residente a Viterbo

15. Ozcan Serkan, nato in Turchia e residente in Svizzera

16. Sahin Emrah, nato in Turchia e residente in Svizzera

17. Senci Caglar, nato in Turchia e residente a Tuscania

18. Simsek Sinan, nato in Turchia e residente in Svizzera

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz contro la mafia turca, in carcere anche un viterbese: "Trasportava armi e soldi". Tutti i nomi degli arrestati

ViterboToday è in caricamento