rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca

Sul corpo i segni di due anni di violenze

Giovane di San Martino al Cimino costretta a subire i continui soprusi del fidanzato. Il 23enne è in carcere dopo l'ultimo episodio: l'ha picchiata perché "colpevole" di aver trascorso fuori casa la serata di Halloween

L'ha trascinata a terra e con un calcio in faccia le ha fratturato il setto nasale. Ma quanto subito da una giovane nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre sarebbe solo l'ultimo episodio di un'escalation di violenze durata due anni per mano del campagno. Un 23enne viterbese che ora è in carcere a Mammagialla per lesioni personali dolose e maltrattamenti in famiglia.

Nei giorni scorsi il ragazzo avrebbe atteso, fino alle 4,30 di notte, la fidanzata sotto casa a San Martino al Cimino. L'ha picchiata, trascinata a terra e colpita in faccia con un calcio accusandola di aver trascorso fuori la serata di Halloween. Insieme alla giovane c'era anche la sorella che, nel tentativo di difenderla, si è vista minacciata con delle forbici.

Appena le è stato possibile, hanno composto il 112, il numero unico di emergenza, e hanno chiesto aiuto. La ragazza è stata soccorsa dal personale sanitario del 118 che l'ha portata al pronto soccorso dell'ospedale di Belcolle per le gravi ferite riportate, tra cui la frattura del setto nasale. Le è poi stata data una prognosi di 25 giorni. 

Il 23enne, invece, è stato intercettato e fermato dai poliziotti della squadra volante che, su disposizione della pm Chiara Capezzuto, lo hanno arrestato e portato in carcere. Il giovane sarebbe già noto alle forze dell'ordine per alcuni precedenti.

Gli inquirenti, che per la vittima hanno avviato un percorso assistito, grazie soprattutto alla sua denuncia e ai suoi racconti, hanno ricostruito due anni di vessazioni e condotte violente che avrebbe subito dal compagno. Le conseguenze riportate andrebbero da un profondo stato di turbamento e di sudditanza psicologica a evidenti cicatrici lasciate sul corpo. Come un taglio sulla coscia e un dito rimasto danneggiato dopo che il 23enne glielo avrebbe spezzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul corpo i segni di due anni di violenze

ViterboToday è in caricamento