rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
PRESEPE VIVENTE / Tarquinia

Presepe vivente di Tarquinia pronti per il gran finale: il 6 gennaio arrivano i re magi

Per il 6 gennaio sono previste altre novità: oltre agli animali della fattoria, ai fachiri e ai giocolieri si potranno ammirare i falchi e i gufi della fattoria didattica Fiocco di Neve e i simpatici alpaca

Il presepe vivente di Tarquinia vivrà il 6 gennaio il gran finale con l’arrivo dei re magi a dorso di cammello. Dopo il successo della rappresentazione del 30 dicembre, con 1600 visitatori, l’attesa è per il giorno dell’Epifania, quando la rievocazione toccherà il suo momento più suggestivo e apprezzato. Dalla Barriera San Giusto, alle 16,30, i re magi accompagnati da un fastoso seguito sfileranno in piazza Cavour, corso Vittorio Emanuele, piazza Giacomo Matteotti e Alberata Dante Alighieri per arrivare al convento di San Francesco e rendere omaggio alla Natività con Gesù Bambino.  La 16edisma edizione della rievocazione vede varie scene recitate da attori della Compagnia teatrale Excalibur.

Presepe vivente di Tarquinia (4)-2

Saranno dialogati la corte di re Erode, il sinedrio con i sacerdoti, il momento dei pastori che annunciano la nascita di Gesù, attimi di vita quotidiana nelle locande e tra i banchi del mercato. Tra le scenografie spiccano un antico acquedotto con un mulino e l’accampamento dei legionari, simbolo del potere imperiale romano. Le persone, oltre ad ammirarne la spettacolarità, potranno deliziare il palato con prelibatezze culinarie preparate al momento. Dalle bruschette con l’olio o il miele alle caldarroste, da un buon thè caldo ai formaggi e al vino rosso locali.

Presepe vivente di Tarquinia-5

Per il 6 gennaio sono previste altre novità: oltre agli animali della fattoria, ai fachiri e ai giocolieri si potranno ammirare i falchi e i gufi della fattoria didattica Fiocco di Neve e i simpatici alpaca, che faranno anche parte del corteo, grazie alla collaborazione con l’allevamento Piani degli Alpaca. Il biglietto d’ingresso alla manifestazione ha un costo di 5 euro. L’entrata è gratuita per i bambini fino a 10 anni. Le due casse, che apriranno dalle 15, sono posizionate a piazza Giacomo Matteotti e al parcheggio del convento di San Francesco. La rappresentazione ha il patrocinio e il sostegno del Comune di Tarquinia ed è organizzata in collaborazione con il Comitato quartiere San Martino e l’Associazione anziani con l’hobby del modellismo. La Regione Lazio, la Provincia di Viterbo e la Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia patrocinano la rievocazione, organizzata dall’associazione Presepe vivente Tarquinia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presepe vivente di Tarquinia pronti per il gran finale: il 6 gennaio arrivano i re magi

ViterboToday è in caricamento