rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
provincia Capodimonte

L'isola Bisentina riapre al pubblico: torna a schiudersi lo scrigno sul lago di Bolsena

Tra le novità la visita al monte Tabor, punto più alto dell'isola, e l'ingresso alla Malta dei papi citata nella Divina commedia

Riapre l'isola Bisentina, incontaminato microcosmo nel lago di origine vulcanica più esteso d'Europa, quello di Bolsena, aperto al pubblico per la prima volta nell'estate del 2022 dopo 20 anni.

GALLERY | Foto mozzafiato dell'isola Bisentina

Quando riapre l'isola Bisentina

Isola Bisentina

Dal 17 giugno, con l'infiorata, e fino al 5 novembre i visitatori hanno l'opportunità di visitare questo luogo storico intriso anche di mistero. Un luogo fatto di alberi secolari e flora autoctona, con integrazione di specie d'importazione. Un luogo di testimonianze, passaggi e insediamenti dell'uomo dai tempi antichi a quelli a noi più vicini.

La visita

Isola Bisentina-2

L'isola Bisentina si offre ai visitatori in un percorso fra antiche costruzioni architettoniche e opere contemporanee site specific che si integrano con il territorio, rispecchiandone l'aspetto più importante: la sua sacralità. Oltre che tornare a godere delle bellezze naturali dell'isola, infatti, i visitatori possono conoscere un patrimonio tutto italiano che unisce storia, arte antica e installazioni di arte contemporanea. 

Cosa vedere sull'isola Bisentina

Isola Bisentina-4

Immerse nella maestosità della flora locale si possono visitare alcune delle sette cappelle edificate fra il XV e XVI secolo sui sentieri perimetrali in un percorso devozionale, che fu meta di pellegrinaggio religioso prossimo alla via Francigena. Ma quest'anno nuovi elementi arricchiscono la visita: la salita al monte Tabor, il punto più alto dell'isola, così chiamato per voluta analogia con la collina di Galilea per la presenza di una cappella che conserva un affresco della trasfigurazione, e l'ingresso alla misteriosa Malta dei papi, la cui apertura è molto attesa.

L'apertura della Malta dei papi

Malta dei papi su isola Bisentina

Citata da Dante nella Divina commedia, la Malta dei papi è una struttura ipogea artificiale, scavata nel monte Tabor, forse di origine etrusca destinata a scopi rituali. È costituita da un lungo cunicolo che conduce a una cavità circolare del diametro di sei metri, con al centro del pavimento un foro simile a un pozzo, e nella volta un condotto verticale di trenta metri che sbocca nel bosco. Si racconta che in tempi più recenti venisse usata come carcere per gli ecclesiastici accusati di eresia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'isola Bisentina riapre al pubblico: torna a schiudersi lo scrigno sul lago di Bolsena

ViterboToday è in caricamento