rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
provincia Canepina / Strada provinciale Canepinese

Militare morto in un incidente con la moto, la famiglia: "Arnaldo è stato un dono per tutti noi"

Parenti e amici ricordano il 41enne che ha perso la vita nel terribile scontro con un'auto sulla Canepinese. Indagini in corso, la salma resta a disposizione della magistratura

"Una persona perbene". Ad amici, colleghi e conoscenti bastano poche parole per raccontare chi era Arnaldo Brunetti, il militare di 41 anni morto sabato in un terribile incidente con la moto. Le due ruote erano la sua passione, insieme a quella per gli animali (a partire dai cani) e per la pesca che era solito praticare nel tempo libero.

"Ti voglio ricordare tra risate e qualche pescata in serenità", scrive su Facebook l'amico e collega Walter. Sul social è un susseguirsi di messaggi, tra cui quello dell'Avis di Canepina, comune di cui Arnaldo era originario, che racconta di un uomo generoso che metteva la sua vita al servizio degli altri, non solo per il lavoro che faceva. "Arnaldo Brunetti - scrive l'associazione di volontari del sangue - era un nostro donatore, un ragazzo da sempre vicino all'Avis. Ci stringiamo al dolore della sua famiglia e di tutti i suoi cari".

Ed è proprio la sua famiglia che sottolinea come il 41enne "era sempre felice di donare". "La verità - sottolinea la cognata Luigina in messaggio pieno di amore - è che la sua vita è stata un dono per me e per la mia famiglia". Una famiglia distrutta dal dolore, intorno alla quale si sono strette le comunità di Canepina e di Vetralla, dove si era trasferita da molti anni.

Arnaldo Brunetti-5

I funerali di Arnaldo non sono ancora stati fissati. La salma resta a disposizione della magistratura che sta coordinando le indagini dei carabinieri per ricostruire nel dettaglio cosa sia accaduto alle 16 di sabato 7 ottobre al chilometro 25 della Canepinese, all'incrocio con strada Piangoli.

La Ducati M4 del 41enne, militare dell'Esercito in servizio all'Aves, si è scontrata con una Toyota Rav4 con a bordo una famiglia. L'impatto è stato violentissimo e non ha lasciato scampo al motociclista che è morto sul colpo. Per lui nulla ha potuto il personale sanitario intervenuto con due ambulanze e un'automedica. Portato in ospedale a Belcolle, invece, il conducente dell'auto per accertamenti. Da stabilire eventuali responsabilità.

Intanto è finito sotto accusa l'incrocio, definito killer. "Un altro incidente in quel bruttissimo incrocio. Un altro nostro compaesano ci lascia tragicamente", si legge sui social. Quindici anni fa, nello stesso punto, è morto anche un 28enne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Militare morto in un incidente con la moto, la famiglia: "Arnaldo è stato un dono per tutti noi"

ViterboToday è in caricamento