rotate-mobile
provincia Tarquinia / Strada dell' Acquetta

Tarquinia, autovelox all'Acquetta. Il Comune: "Strada verso la riapertura"

L'apparecchio per il rilevamento della velocità ha un costo di oltre 100mila euro. La via è attualmente chiusa ai non residenti

Oltre 100mila euro per l'acquisto di un autovelox da installare in strada vicinale dell'Acquetta. Per la precisione, 101mila 599,16 euro. È quanto prevede una determina del Comune di Tarquinia datata 18 dicembre e pubblicata ieri, 8 gennaio, sull'albo pretorio.

L'apparecchio, che sarà fornito e installato dalla ditta Eng techno di Biella, consiste in un sistema bidirezionale di rilevamento della velocità che rientra nell'"ampliamento dell'impianto di videosorveglianza finalizzato all'aumento dei livelli di sicurezza sul territorio della città".

"È volontà dell'amministrazione - si legge nella determina - procedere a un ulteriore ampliamento del sistema per tutelare sia la sicurezza pedonale che quella veicolare, soprattutto nella strada vicinale dell'Acquetta le cui caratteristiche strutturali e geometriche, in particolare i tratti rettilinei su cui si registra un'alta velocità percorsa uniti alla presenza di curve con scarsissima visibilità, non rendono sicuro il transito veicolare".

Da questa estate sull'Acquetta vige il divieto di transito ai non residenti e ai non autorizzati. Ma "è intenzione dell'amministrazione comunale - annuncia la determina - riaprire al transito la strada al resto dell'utenza, assicurando però adeguati controlli al fine di effettuare una sistematica prevenzione e reprimendo comportamenti illeciti con l'obbiettivo di garantire sia l'utilizzo della strada sia la sicurezza e l'incolumità degli utenti in generale". L'autovelox, dunque, appare propedeutico alla riapertura della strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tarquinia, autovelox all'Acquetta. Il Comune: "Strada verso la riapertura"

ViterboToday è in caricamento