rotate-mobile
GIUDIZIARIA

Lavori allo stadio, imprenditore viterbese a processo

Elio Scirocchi rinviato a giudizio per l'appalto per la curva sud dell'Euganeo di Padova. Il Comune chiede 2,7 milioni di euro di danni alla sua ditta

L'imprenditore di Blera Elio Scirocchi rinviato a giudizio per i lavori allo stadio Euganeo di Padova. Titolare della Esteel, alla sua ditta, che aveva vinto il bando e portato avanti l'intervento alla curva sud fino a novembre 2022 per poi essere indagata, il Comune ha chiesto 2,7 milioni di euro come risarcimento danni. A processo anche due tecnici del Comune di Padova, i legali rappresentanti delle imprese coinvolte, oltre a tre operai e le stesse due ditte.

Le accuse

Al termine delle indagini preliminari l'avviso di garanzia aveva raggiunto sette persone. Oltre a Scirocchi, accusato di turbata libertà degli incanti, subappalto illecito, cooperazione nel delitto colposo e lesioni personali colpose, il responsabile comunale dei lavori pubblici Stefano Benvegnù e il geometra comunale Giacomo Peruzzi, direttore dei lavori, entrambi imputati per subappalto illecito. E poi Giovanni Vattiato, titolare della ditta Tecnoedil di Brescia che ha ottenuto dalla Esteel il subappalto, per subappalto illecito, cooperazione nel delitto colposo e lesioni personali colpose. Con loro anche tre dipendenti di Tecnoedil, accusati di aver coperto un grave infortunio sul lavoro avvenuto nel cantiere in accordo con i due imprenditori: Maurizio Norbis di Palazzolo sull'Oglio e Claudio Pasinelli. Il primo accusato di cooperazione nel delitto colposo e lesioni personali colpose e il secondo favoreggiamento personale insieme a Ledian Xoxi.

La richiesta del Comune

Il Comune di Padova ha messo nero su bianco le pretese nei confronti della Esteel di Scirocchi, che stava svolgendo i lavori di restyling della curva sud dello stadio prima di essere coinvolta nell'indagine della procura per subappalti illeciti. Sono 2,7 i milioni richiesti come risarcimento, dopo i conti fatti dai dirigenti comunali insieme all'avvocatura civica e portati in aula dall'avvocato Leonardo Arnau, incaricato di seguire la vicenda e richiedere la costituzione di parte civile. Una cifra enorme, che corrisponde a quella già pagata alla Esteel per i lavori svolti, ricavata però soprattutto da motivazioni legate ai danni di immagine, al fatto di aver subito un sequestro preventivo, che ha quindi bloccato i lavori ormai un anno fa e non ancora ripresi. Ma anche alla mancata partecipazione ai bandi Pnrr, che avrebbero potuto portare nelle casse comunali almeno 4 milioni di euro per completare anche la curva nord dell'Euganeo.

Fonte PadovaOggi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori allo stadio, imprenditore viterbese a processo

ViterboToday è in caricamento