rotate-mobile
L'ULTIMO SALUTO / Gallese

L'addio a Franco Mangiucca, per oltre 40 anni il vigile urbano "scanzonato" di Gallese

Il comandante della polizia locale è morto in servizio per un malore. Era originario di Fabrica di Roma, dove oggi si terranno i funerali. Il ricordo di chi l'ha conosciuto

L'addio a Franco Mangiucca, per oltre quarant'anni comandante della polizia locale di Gallese. Lui di anni ne aveva 62 e ieri mattina, giovedì 18 aprile, è stato stroncato da un malore mentre era in servizio davanti alle scuole del paese. Si metteva lì, nei pressi di piazza Don Milani, tutte le mattine, poco prima delle 8. In postazione con l'auto del corpo per vigilare sulla sicurezza dei bambini e dei ragazzi che entrano in classe.

Il malore in servizio

E così aveva fatto anche ieri. Era appena arrivato con la macchina della polizia locale davanti ai cancelli della scuola. Senza scendere, qualcuno lo ha visto mentre cercava di fare una chiamata al cellulare per poi accasciarsi con la testa sul volante. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi. Tra i primi ad arrivare il sindaco Danilo Piersanti e il vice Amedoro Latini. Sul posto anche i carabinieri e i vigili del fuoco, intervenuti perché lo sportello dell'auto non si apriva. Il personale sanitario del 118, entrato in azione con ambulanza e automedica. Nonostante l'ossigeno e i lunghi tentativi di rianimazione, non c'è stato nulla da fare. Mangiucca è stato stroncato da un malore che non gli ha lasciato scampo.

I funerali

Tenente della polizia locale, era di Fabrica di Roma dove alle 15 di oggi, venerdì 19 aprile, si terranno i funerali nella chiesa di Santa Maria della Pietà. Il comandante lascia la moglie Loredana e due figli. Conosciuto e apprezzato, sia come agente che come uomo, oltre i confini di Gallese e del suo paese di origine. Anche nel Reatino, dove fino al 2020 è stato comandante della polizia locale di comuni dell'Unione Nova Sabina.

Il ricordo

Ad esprimere dolore e cordoglio pure il presidente della Provincia Alessandro Romoli e l'amministrazione comunale di Gallese. Tanti i ricordi, che ritornano indietro nel tempo, all'età della giovinezza. Come quello di Giovanni: "Ti ricorderò sempre per i momenti spensierati passati a scuola". O quello di Resy: "Ci siamo conosciuti più di 50 anni fa, abbiamo cantato insieme e fatto tante chiacchiere nel corso degli anni".

Daniela, invece, scrive: "Sei stato l'amico dell'età più bella. L'età dell'adolescenza, dei viaggi in compagnia nel pullman che ci portava a scuola, delle risate, dei momenti sereni e spensierati. La vita a volte separa e ognuno percorre la strada del suo destino, ma i ricordi rimangono nel cuore. Voglio ricordarti con la tua aria perennemente scanzonata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio a Franco Mangiucca, per oltre 40 anni il vigile urbano "scanzonato" di Gallese

ViterboToday è in caricamento