rotate-mobile
L'ACCORDO / Monte Romano

Nuova vita per il patrimonio immobiliare di Monte Romano: in testa c'è il castello di Rocca Respampani

Accordo tra la Regione Lazio e il Comune

Valorizzare il patrimonio immobiliare di proprietà della Regione nel territorio di Monte Romano. È quanto prevede l'accordo fra la Pisana e il Comune in provincia di Viterbo. Al centro beni immobili appartenuti in passato alla disciolta comunione delle Asl e poi trasferiti alla Regione.

Alcuni rivestono particolare rilevanza dal punto di vista storico e artistico, con in testa il castello di Rocca Respampani. Beni la cui gestione garantirebbe anche una consistente rendita patrimoniale derivante da terreni, fabbricati e appunto siti di interesse storico. L'accordo prevede la collaborazione fra la Regione e il Comune per una gestione condivisa, attuando i processi di valorizzazione, con l'obiettivo di favorire lo sviluppo del territorio.

Lo schema di accordo è stato approvato dalla giunta regionale su proposta dell'assessore alla Tutela del territorio, Demanio e Patrimonio, Fabrizio Ghera. "È il risultato - commenta - di una fruttuosa collaborazione istituzionale tra la Regione Lazio e il Comune di Monte Romano, per questo il mio ringraziamento va agli uffici regionali e al sindaco. Questo è il modo con cui la Regione intende stringere sinergie con gli enti locali per favorire la valorizzazione di beni del patrimonio della Regione a beneficio dei cittadini e del territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova vita per il patrimonio immobiliare di Monte Romano: in testa c'è il castello di Rocca Respampani

ViterboToday è in caricamento