rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
INCREDIBILE DANNO ALL'AMBIENTE / Oriolo Romano

Dopo l'incendio alla faggeta patrimonio dell'umanità abbattuti undici alberi

Il sindaco di Oriolo Romano, Emanuele Rallo, ha revocato l'ordinanza che per un mese ha tenuto chiusa la pineta andata a fuoco

L'incendio che per due giorni a inizio agosto ha minacciato la faggeta di Oriolo Romano, riconosciuta dall'Unesco patrimonio mondiale dell'umanità, ha fatto abbattere ben undici alberi. Si tratta di undici pini, "divenuti pericolosi", come spiega il sindaco Emanuele Rallo, dopo che il fuoco ha bruciato la pineta che affianca la faggeta.

Emanuele RalloIl 22 agosto il primo cittadino, "per motivi di sicurezza", aveva "vietato l'accesso a tutte le persone non autorizzate nell'area della pineta interessata dall'incendio, corrispondente a un tratto del sentiero 175C". Contestualmente, era stato chiesto "all'ente proprietario, la Regione Lazio, di provvedere a verificare, nel più breve tempo possibile, la situazione di sicurezza delle alberature e, qualora fosse necessario, di adottare tutti i provvedimenti per la messa in sicurezza".

Il risultato è stato l'abbattimento di undici pini "divenuti pericolosi". Ma ieri, terminato l'intervento, il sindaco ha revocato l'ordinanza di chiusura della pineta. "La rete sentieristica - annuncia - torna così tutta integralmente fruibile".

Incendio faggeta Oriolo Romano

Il 3 agosto scorso, nell'informare che l'incendio era finalmente stato domato, Rallo aveva esclamato: "La faggeta è salva, ha resistito e ha difeso se stessa. A parte un minimo di sottobosco, il patrimonio è ancora intatto. E ciò ci riempie di gioia". Un ottimismo che aveva contaggiato tutti, tratte i custodi del parco.

"Considerata la drammatica situazione dell'incendio scatenato alle pendici di monte Raschio, abbiamo verificato danni limitati al settore limitrofo alla pineta e qualcosa anche sui colli prima della cima del monte. Intatta la maggior parte della superficie della faggeta. Per i nostri parametri, che prevedono la salvaguardia anche di un solo faggio, a differenza dell'ottimismo generale, riteniamo gravissime le lesioni subite. Le zone interessate hanno perso la coltre preziosa del sottobosco e delle piantine di faggio", avevano spiegato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'incendio alla faggeta patrimonio dell'umanità abbattuti undici alberi

ViterboToday è in caricamento