rotate-mobile
L'INDAGINE / Nepi / Via Cassia Sutrina

Mortale a Nepi: un indagato per omicidio stradale, autopsia sul corpo di Lina Segarelli

L'incidente la settimana scorsa sulla Cimina. La vittima, 89 anni, viveva a Sutri

Omicidio stradale. È l'ipotesi di reato con cui la procura di Viterbo, tramite il pm Michele Adragna, ha aperto un fascicolo sull'incidente di mercoledì scorso, 10 gennaio, a Nepi in cui ha perso la vita la 89enne di Sutri Lina Segarelli.

Un indagato, disposta l'autopsia

Nel registro degli indagati è stato iscritto il nome dell'uomo alla guida dell'auto che si è scontrata con l'utilitaria condotta dall'anziana: S.C., 49enne di Morlupo in provincia di Roma. Il pubblico ministero ha inoltre disposto l'autopsia sulla salma della vittima per chiarire le cause della morte, avvenuta il giorno dopo. È stato nominato il medico legale Matteo Scopetti a cui alle 15 di domani, giovedì 18 gennaio, verrà conferito l'incarico per l'esame post mortem che a seguire verrà eseguito al policlinico Gemelli di Roma. Dopo l'autopsia e il nulla osta della magistratura per la sepoltura, la famiglia di Segarelli potrà fissare la data dei funerali.

L'incidente

Il violento incidente, tra la Audi Q5 dell'indagato e la Chevrolet Matiz dell'89enne, è avvenuto alle 12 del 10 gennaio sulla strada provinciale Cimina, all'incrocio con via Sutrina e via Prato, il cosiddetto "bivio delle quattro strade". Le cause che hanno portato allo scontro sono al vaglio dei carabinieri della stazione di Nepi, che hanno effettuato i rilievi finalizzati alla ricostruzione della dinamica e messo sotto sequestro le auto. Ad avere la peggio è stata l'anziana. Trasportata con l'eliambulanza al Gemelli, dove è arrivata in condizioni disperate per i politraumi riportati nello scontro con il Suv, è morta il giorno dopo, giovedì 11 gennaio.

Chi era Lina Segarelli

Segarelli lascia la figlia Rossella e due amati nipoti, con i quali conviveva e che ora sono dilaniati dal dolore. La famiglia si è affidata a Studio3A - Valore spa, società specializzata in risarcimento danni e tutela dei diritti dei cittadini, attraverso l'area manager per il Lazio e l'Umbria Matteo Cesarini, per essere assistiti e fare piena luce sui fatti e sulle responsabilità dell'incidente, unitamente all'avvocato Donatello d'Onofrio del foro di Roma. "Segarelli - sottolinea Studio3A - Valore spa -, a dispetto dell'età avanzata, godeva di ottima salute, era totalmente autosufficiente e guidava ancora, con patente in corso di validità che le era stata rinnovata a settembre per altri due anni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mortale a Nepi: un indagato per omicidio stradale, autopsia sul corpo di Lina Segarelli

ViterboToday è in caricamento