rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
provincia Acquapendente

Acquapendente, l'opposizione si spacca sui lavori al palazzo comunale

Friggi e Agostini (Insieme per cambiare) vogliono sapere il costo di ponteggi e interventi alla facciata, per Brenci (FdI) la tutela dei cittadini non ha prezzo

“Ponteggi e facciata palazzo comunale. Quanto costa agli aquesiani?”. Questa la domanda che si pongono le consigliere di minoranza al comune di Acquapendente Federica Friggi e Domitilla Agostini (Insieme per cambiare) in una nota informativa inviata ai cittadini. "Il 30 novembre - scrivono Friggi e Agostini - sulla pagina Facebook del comune di Acquapendente si rendeva noto: 'A seguito delle prime condizioni metereologiche avverse e dei connessi fenomeni atmosferici della stagione, si sono resi necessari dei lavori non previsti sulla facciata del palazzo comunale. Vogliamo pertanto rassicurare la cittadinanza che il ponteggio montato in questi giorni ha la funzione di rendere la nostra piazza del tutto sicura anche in vista dei numerosi eventi in programma per il prossimo Natale, in attesa dell’inizio dei lavori previsto dopo le festività'. Il 18 marzo - proseguono Friggi e Agostini - abbiamo inviato un’interrogazione al nostro sindaco chiedendo di conoscere il costo del nolo del ponteggio sin qui sostenuto (atteso che è montato dalla fine del mese di novembre) con relativa documentazione di impegno e spesa e di conoscere se è stato deciso la tipologia e il costo presunto dei lavori di restauro della facciata del palazzo comunale. Rimaniamo in attesa di ricevere risposta alla nostra interrogazione".

Il ponteggio al palazzo comunale, però, trova punti di vista differenti all’interno del gruppo di minoranza al comune di Acquapendente. Le richieste alla sindaca Terrosi di relazionare sulla tipologia di spese effettuate non trovano sponda politica in Fratelli d’Italia, come dichiara Alessandro Brenci. "Ritengo la politica una cosa seria. E sfrugugliare sulla sicurezza dei cittadini in merito ai costi del ponteggio palazzo comunale non ha senso. Sono stati spesi fino al 28 febbraio 18mila euro. Solo ed esclusivamente per tutelare tanto i cittadini, quanto i dipendenti del comune. Il problema era di gelo e poi disgelo che provocano distaccamenti di tufo. Da un colloquio con l’ingegnere, persona molto disponibile, ho potuto appurare che stanno portando a termine la progettazione e nello stesso tempo cercando, se ci fossero, dei finanziamenti per sistemare la facciata e il tetto. Mi sembra quindi fuori luogo l’attacco all'amministrazione quando è tutto nella norma. Forse è solo per cercare un pizzico di visibilità. Fare politica vuole dire anche, prima di realizzare qualcosa di mediatico, recarsi negli appositi uffici e chiedere come stanno le cose. Sono orgoglioso - conclude Brenci - di esser stato sempre una persona attenta alle cose dell'amministrazione. Quindi attaccarla criticamente quando ci sono i presupposti. E non l’ho mai fatto per motivi futili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acquapendente, l'opposizione si spacca sui lavori al palazzo comunale

ViterboToday è in caricamento