rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
LA MINACCIA / Tarquinia

Cavalli uccisi a Tarquinia, il sindaco Alessandro Giulivi: "Minacciato di morte"

Il primo cittadino: "Vado fino in fondo denunciando tutti coloro che hanno strumentalizzato e strumentalizzano questa triste vicenda"

"Sull'abbattimento dei quattro cavalli avvenuto nei giorni scorsi per mano legale degli esperti veterinari chiamati della Asl di Viterbo, sono state scritte molte cose imprecise, false e che hanno spinto molte persone a rivolgere pesanti minacce di morte al sindaco Alessandro Giulivi e ai suoi familiari". Lo scrive il Comune di Tarquinia in una nota attraverso la quale fa sapere che "l'avvocato Paolo Pirani ha depositato ieri mattina una dettagliata denuncia querela agli organi di polizia nei confronti di tutti coloro che hanno volutamente cercato di strumentalizzare la notizia per colpire il sindaco e l’amministrazione. Una denuncia nei confronti anche delle associazioni e di coloro che, via social, senza adeguate informazioni, hanno deciso che il sindaco fosse il carnefice di animali che, in realtà, si è cercato di salvare fino all’ultimo".

Cosa è successo 

Il Comune ricostruisce: "Nei giorni precedenti il 27 marzo quattro cavalli vagano liberi nella località Taccone di Sopra, a Tarquinia, creando una situazione di pericolo per la pubblica sicurezza. I cavalli, di razza baia e del peso approssimativo di 350-400 chili, sono stati avvistati nei pressi dell'uscita autostradale di Monte Romano. La loro presenza in aree trafficate rappresentava un rischio per gli automobilisti e per gli stessi animali. Il sindaco Alessandro Giulivi è stato informato dagli uomini del corpo forestale dei carabinieri della locale stazione di questa situazione. Successivamente, ha ricevuto per conto della Asl servizio veterinario di Viterbo una lettera trasmessa via Pec nella quale è stato invitato a emettere un documento sindacale di cattura e/o abbattimento".

"Dopo aver preventivamente consultato il dottor Marco Perroni e il dirigente dottor Ferrarini del servizio Asl di Viterbo - prosegue il Comune -, il sindaco Giulivi ha provveduto a emettere (come previsto per legge) un'ordinanza sindacale che disponeva la cattura in sicurezza dei cavalli con ogni mezzo per tutelare la pubblica incolumità e di evitare ogni tipo di incidente. L'ordinanza prevedeva due opzioni per la gestione della situazione: la cattura dei cavalli e il trasferimento in un luogo sicuro. O, in extrema ratio, qualora la cattura fosse impossibile o ci fossero situazioni di pericolo imminente per le persone, procedere con l'abbattimento".

I tentativi di cattura

Un veterinario è poi arrivato nella zona in cui vagavano i cavalli. "Il 27 marzo - riporta il Comune - per la cattura dei cavalli è stato contattato, su indicazioni della Asl di Viterbo, uno specialista veterinario, esperto di fauna selvatica che ha valutato la situazione e messo in atto un piano di cattura, il quale, entrato in possesso di tutte le autorizzazioni, è arrivato sul luogo il giorno successivo e ha potuto valutare la situazione. Ha quindi constatato che un cospicuo dispiegamento di forze dell'ordine era già impegnato a trattenere gli animali in un campo agricolo prevenendone, momentaneamente, l'invasione delle carreggiate stradali e autostradali. In piena autonomia e senza condizionamenti, è stato deciso di tentare la narcosi a distanza anche attraverso l'utilizzo di un drone dotato di idonei strumenti usati in medicina veterinaria. I cavalli si trovavano al centro del campo, in evidente stato di allerta e atteggiamento di fuga pressoché continuo".

Il Comune ricostruisce i tentativi di cattura: "Il primo dardo è stato lanciato con successo nei confronti di un cavallo che è rimasto narcotizzato per un breve lasso di tempo ma non è stato possibile procedere alla sua cattura completa. Sono risultati vani gli ulteriori tentativi di avvicinamento e somministrazione di farmaci. Come scritto dall'esperto nella sua relazione conclusiva, “la cattura farmacologica di questi soggetti mediante teleanestesia è piuttosto difficile non esistendo farmaci intramuscolari particolarmente efficaci sui cavalli. Si ricorre quasi sempre ad associazioni di più farmaci e spesso si rendono necessarie più somministrazioni”. Nel pomeriggio dello stesso giorno le condizioni climatiche avverse (forte vento) hanno ostacolato in modo irrimediabile ogni tentativo di cattura. Risultando inefficace ogni tentativo di sedazioni, si è proceduto a misure alternative. Nel frattempo, la polizia locale aveva allertato i referenti dell'Università agraria per trovare un posto idoneo al contenimento degli animali catturati. Alcuni abili e titolati cavalieri insieme ai loro cavalli hanno tentato inutilmente di avvicinare i quattro esemplari, i quali hanno continuano ad allontanarsi evitando ogni tipo di contatto ravvicinato. Solo dopo questo ennesimo tentativo è stata dichiarata inefficace la telenarcosi come metodo di contenimento".

La decisione finale

La fuga dei cavalli è continuata. "Intanto - scrive il Comune - gli animali si erano portati a ridosso delle strade provinciali Aurelia bis e Aurelia, tratto autostradale ad alto transito veicolare, soprattutto in quelle ore a ridosso dell'esodo delle festività pasquali e per questo ritenuti pericolosi. A questo punto, gli esperti hanno deciso di procedere al loro abbattimento. Tutto è avvenuto sotto il costante e vigile controllo del corpo forestale dei carabinieri, della polizia di stato e della polizia locale. L'operazione di abbattimento è avvenuta per mano dei veterinari che prima di procedere hanno mostrato alle forze dell'ordine le armi da utilizzare e chiesto di mettere in sicurezza l'intera area per evitare pericoli alle persone".

"Alla luce di tutto questo - conclude il Comune -, dimostrabile in modo inconfutabile con corrispondenze ufficiali e relazioni conclusive, il primo cittadino ha deciso di procedere con la denuncia, in sede penale e civile, di tutti coloro che in questi giorni hanno continuato, in modo costante, a diffondere false informazioni, formulare accuse infondate e soprattutto scrivere minacce di morte sia sui social che inviati nelle e-mail del Comune di Tarquinia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalli uccisi a Tarquinia, il sindaco Alessandro Giulivi: "Minacciato di morte"

ViterboToday è in caricamento