rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
L'INDAGINE / Bassano Romano

Denunciato il vandalo no vax di Bassano Romano: scrive "Il vaccino uccide" sul Comune ma ha i carabinieri alle spalle

Per l'uomo, un 55enne del paese, è la terza denuncia: lui dietro tutti gli episodi. Il sindaco Emanuele Maggi: "Ora risposta celere della giustizia a una comunità che si sente ferita"

Scrive "Il vax uccide" sui muri del Comune. Lo avrebbe fatto la sera di Pasqua, così come negli ultimi mesi quando Bassano Romano si è più volte svegliata trovando imbrattati con frasi simili i sui suoi edifici principali: da villa Giustiniani alla Casa delle culture e dei popoli intitolata a Fabrizio Frizzi. Ma domenica scorsa, 31 marzo, l'uomo, un 55enne da anni residente in paese, non si è accorto di avere i carabinieri alle spalle che lo hanno colto sul fatto e denunciato. Si tratterebbe della terza denuncia "collezionata" per episodi analoghi.

La sera di Pasqua il 55enne ha impugnato una bomboletta spray, rigorosamente di colore rosso, e ha iniziato a scrivere "Il vax uccide" sul muro esterno del Comune che dà su piazza Umberto I. Non si è accorto, però, che proprio in quel momento stava passando una pattuglia dei carabinieri di Bassano Romano che lo ha subito fermato e portato in caserma dove è stato denunciato in flagranza.

"Auspico - commenta il sindaco Emanuele Maggi - che il corso della giustizia sia il più celere possibile affinché venga data risposta a una comunità che si sente ferita e che non può sottostare a chi deturpa un intero paese, i suoi monumenti storici e i suoi luoghi di vita, riducendo Bassano in uno stato inguardabile. Ogni volta la collettività deve tirare fuori soldi di tasca propria per rimediare a tutto ciò. Puntualmente - aggiunge Maggi - vengo preso di mira anche io. Sono schierato a favore della scienza e del vaccino, ma sono sempre stato rispettoso di chi la pensa e ha fatto scelte opposte alle mia. Non capisco perché debba essere attaccato in maniera così feroce da un nucleo estremista di no vax. Di me non me ne importa particolarmente ma mi dispiace che a farne le spese sia la comunità che ciclicamente deve mettere le mani al portafoglio per ripristinare i danneggiamenti che vengono fatti al patrimonio collettivo e che non offrono una bella immagine del paese. Ringrazio i carabinieri e la polizia locale di Bassano per la loro collaborazione".

FOTOCRONACA | Raid no vax a Bassano Romano

Diversi i precedenti e, stando a quanto emerso dalle indagini, tutti riconducibili al 55enne. Un "guerriero" no vax vicino al gruppo "ViVi", quello della doppia V cerchiata, che ha sempre rivendicato le azioni mettendo nel proprio mirino anche il sindaco Maggi. Definito un "assassino nazicomunista", in una vignetta nella quale compariva con una svastica piazzata in mezzo alla fronte gli è stato fatto dire: "Sono un bugiardo criminale e voglio imporre la dittatura nazicomunista".

Lo scorso febbraio sono stati imbrattati con vernice rossa la facciata del Comune, la Casa delle culture e dei popoli intitolata a Fabrizio Frizzi e altri edifici del centro storico: "Il vaccino uccide", "Mostri assassini", "Co2=truffa", alcune delle scritte. A maggio 2023, invece, deturpati i muri di villa Giustiniani, bene di interesse storico-artistico del ministero della Cultura: "Vaxate i bambini, siete mostri assassini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunciato il vandalo no vax di Bassano Romano: scrive "Il vaccino uccide" sul Comune ma ha i carabinieri alle spalle

ViterboToday è in caricamento