rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
POLITICHE SOCIALI / Canino

Canino diventa città inclusiva con il nuovo progetto di "comunicazione aumentativa e alternativa"

Sabato 6 aprile l'inaugurazione del nuovo percorso di cartellonistica dedicato alle persone con difficoltà nella comunicazione

Canino diventa un comune inclusivo attraverso la "rivoluzione i Caa". Sabato 6 aprile, alle 11:30 alla scuola Paolo III, il comune inaugurerà la nuova segnaletica creata sulla base della comunicazione aumentativa e alternativa, che verrà dislocata nei luoghi di aggregazione del paese: scuola, palestra, bliblioteca etc. Il progetto, portato avanti dal comune di Canino in collaborazione con l'associazione "Tutti giù per terra onlus", vuole essere un approccio socialmente innovativo che rende i luoghi di aggregazione, soprattutto giovanili, fruibili anche a ragazzi con difficoltà transitorie o permanenti di comunicare, in modo che possano partecipare con più facilità alla vita comunitaria.

Il progetto

"Il progetto è nato dalla collaborazione con Fabiana Sonnino e Paolo Andrizzi presidenti dell'associazione - ha dichiarato a ViterboToday Barbara Sarti assessore alla Cultura e istruzione del comune di Canino - Fabiana e Paolo stanno portando avanti alcuni progetti con l'associazione  'Tutti giù per terra onlus' sul nostro territorio e con loro è nato un'ottimo scambio. Sono veramente felice, in qualità di rappresentante del comune, di poter contare su questa preziosa collaborazione per fare in modo che Canino diventi davvero un paese per tutti e che anche chi nella vita di tutti i giorni incontra delle difficoltà possa riuscire a gestire nella maniera più semplice possibile la vita comunitaria". Fabiana e Paolo, che portano avanti l'associazione dedicata ai ragazzi con lo spettro dell'autismo, hanno acquisito un terreno nella zona di Tessennano in cui fare attività agricola a scopo sociale e spesso portano i ragazzi nel piccolo borgo bonapartiano per passare il week end.

Cos'è la comunicazione aumentativa e alternativa

La comunicazione aumentativa e alternativa cerca di compensare la disabilità, temporanea o permanente che sia, di persone che presentano difficoltà nella comunicazione. Questo tipo di "linguaggio" investe tutte le competenze comunicative umane, quindi il linguaggio prettamente verbale, i segni e la grafica. In questo caso oltre alla riabilitazione, attraverso un sistema di cartellonistica sarà possibile comunicare in maniera più chiara e rapida con le persone destinatarie di questo tipo di comunicazione.

Chi sono gli utilizzatori

I potenziali utilizzatori sonopersone con disabilità della comunicazione insorte in età evolutiva, che possono attraverso la Caa accedere anche allo sviluppo di una competenza verbale o come modalità principale con cui la persona esprime le sue scelte e i suoi sentimenti. Ci sono poi le diverse situazioni di disabilità  sviluppata in età adulta: disbilità come conseguenza di traumi, oppure condizioni cliniche particolari come nel caso della sclerosi laterale amiotrofica, malattie degenerative come l' Alzheiemer, l'afasia grave, l' ictus, o la sclerosi multipla. In realtà però, fuori dai casi clinici, la Caa può essere utile anche per le persone straniere che approcciano ad una nuova realtà di cui ancora non capiscono la lingua

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canino diventa città inclusiva con il nuovo progetto di "comunicazione aumentativa e alternativa"

ViterboToday è in caricamento