rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
L'ULTIMO SALUTO / Onano

Sacerdote morto improvvisamente, rimpatriata la salma di don Crisostomo

Il feretro del viceparroco di Onano questa mattina è partito per il Congo

La salma di don Crisostomo, il viceparroco di Onano morto improvvisamente, è tornata in Congo. Intorno alle 9 di questa mattina, lunedì 12 febbraio, il feretro è partito per essere rimpatriato. Prima, la benedizione del feretro e una preghiera. Don Enrico Castauro, parroco di Acquapendente, ha ricordato don Crisostomo come un sacerdote "colto, buono e silenzioso. Il Signore - ha aggiunto - lo accoglierà nella sua luce e gli donerà conforto, perché dallo stesso amato e stimato".

Don Crisostomo Mukesyali

Il sacerdote, all'anagrafe Chrysostome Mukesyali Meny, è morto il 3 febbraio scorso nella propria abitazione. Aveva 59 anni e da poco più di quattro era viceparroco a Onano. La parrocchia Santa Croce, che lo ha accolto nell'autunno del 2019, lo ricorda come un "persona buona, di grande fede e di profonda cultura".

I funerali sono stati celebrati nel pomeriggio del 4 febbraio dal vescovo Orazio Francesco Piazza proprio nella chiesa di Santa Croce, dove è stata allestita anche la camera ardente. La salma è poi stata traslata nella cappella del cimitero di Onano, fino al rimpatrio di oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacerdote morto improvvisamente, rimpatriata la salma di don Crisostomo

ViterboToday è in caricamento