rotate-mobile
provincia

Colonnine ricarica auto elettriche, Caci contro la sindaca: "Ritardi nell'allaccio perché l'accordo con Enel porta il mio nome"

L'ex primo cittadino di Montalto di Castro: "Sconcertante congelare opere utili a residenti e turisti per infantili egoismi politici"

Riceviamo dall'ex sindaco di Montalto di Castro, Sergio Caci, e pubblichiamo

In un momento di crisi energetica e ambientale anche il Comune di Montalto di Castro, grazie ad un accordo stipulato con Enel sotto la mia amministrazione, ha realizzato le stazioni di ricarica per le auto elettriche. A parte il tema ambientale ed economico, le auto elettriche stanno prendendo piede sul mercato in un modo sempre più massiccio. Lo dicono i numeri che registrano un trend di vendita in crescita. Il nostro paese trae la sua economia non solo dall'agricoltura, ma da tutto l'indotto del settore turistico e tra l'altro abbiamo tantissime persone che proprio tra Montalto e Pescia hanno la loro seconda casa e, proprio per chi proviene da grandi città come Roma, l'utilizzo dell'auto elettrica è ormai prassi. Ed era questo l'intento dell'accordo: essere al passo con i tempi per dare servizi sia a chi ha scelto Montalto da turista, sia per gli abitanti e anche per coloro i quali ci si trovino di passaggio.

Purtroppo, nonostante le stazioni di ricarica siano state installate, ad oggi per i proprietari di auto elettriche non è possibile ricaricarle perché manca l'allaccio. Ho fatto presente tramite una pec, inviata a tutti i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, questa situazione, anche a seguito del dibattito sviluppatosi in seno al consiglio comunale stesso riunitosi il 30 novembre scorso. Il consigliere Francesco Corniglia, ex assessore della giunta Socciarelli, nel suo intervento specificava che le motivazioni del ritardo nell'allaccio delle stazioni di ricarica, e comunque dell'approvazione del protocollo fra Comune ed Enel, sembrano altre da quelle dichiarate dal relatore di maggioranza, ovvero il tentativo di modificare il protocollo di intesa apponendo la firma di Emanuela Socciarelli al posto di quella del sottoscritto. Reputo sconcertante congelare opere utilissime per infantili egoismi politici. Chi amministra dovrebbe portare avanti i progetti che danno un beneficio alla comunità, e questo è uno di quelli. Perché mette il nostro paese al passo con i tempi.

Enel, come ha ricordato giustamente il sindaco, "non ha voluto toccare la vecchia convenzione", pronta da un anno e mezzo e operativa per quel che riguardava le stazioni di ricarica. Non si può tenere un paese in ostaggio in nome e per conto di una firma, non si può precludere a turisti e cittadini un servizio.

Nella pec che ho inviato al Comune di Montalto il 2 dicembre scorso specificavo la mia disponibilità, avendo seguito il progetto, ad appianare alcuni nodi che potessero essere di intralcio ai fini dell'operatività. Purtroppo non ho ancora ricevuto alcun tipo di risposta. Quindi mi rivolgo a tutti i cittadini di Montalto e a coloro che nel nostro territorio hanno le seconde case. Pretendiamo che le stazioni di servizio diventino operative e procediamo con gli allacci.

Alla giunta Socciarelli consiglio di portare avanti i progetti e andare oltre le firme. Ho amministrato per 10 anni, è cosa ovvia che delle convenzioni abbiano il mio nome. La continuità amministrativa non è una parolaccia, ma anzi un segno di buona amministrazione.

Per questo voglio rendere nota la vicenda, dopo aver provato a risolverla con i diretti interessati. Non blocchiamo Montalto e le sue occasioni di crescita anche in termini di modernità dei servizi offerti. La giunta Socciarelli se tiene ad apporre firme si metta a lavorare e abbandoni prese di posizione puerili e impolitiche.

Sergio Caci

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colonnine ricarica auto elettriche, Caci contro la sindaca: "Ritardi nell'allaccio perché l'accordo con Enel porta il mio nome"

ViterboToday è in caricamento