rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
L'ADDIO

L'addio a Ruben: la maglia della Roma sul feretro, i palloncini giallorossi in cielo e le note di Vasco

Dolore e lacrime ai funerali del 22enne Ciarlanti, morto improvvisamente mentre giocava a calcetto con gli amici

Silenzio, dolore e tante lacrime. Blera ha salutato Ruben Ciarlanti, il 22enne morto improvvisamente durante una partita di calcetto con gli amici. L'intera comunità si è stretta nel dolore, condiviso da tutta la provincia.

Ruben Ciarlanti-2

In tantissimi questo pomeriggio hanno detto addio a quel ragazzo che si è dedicato al volontariato, al bene comune e all'aiuto dell'altro. La chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo, nel cuore del paese, in cui è stato proclamato il lutto cittadino, non è riuscita a contenere amici e conoscenti. Tutti loro hanno condiviso momenti indimenticabili con quel ragazzo dallo sguardo gentile e dal sorriso magnetico. Decine anche le persone in piazza e sul sagrato della chiesa.

Una distesa di fiori. Quelli posti sul feretro di Ruben erano bianchi. Poi la maglia della Roma, la sua squadra di calcio del cuore. I palloncini giallorossi fatti volare in cielo. E le note di Vasco Rossi, di cui era pazzo.

IMG_20221001_161105-2

Ruben era il figlio di Francesco Ciarlanti, dal 2010 al 2015 primo cittadino di Blera e oggi vicesindaco. Tanti i sindaci del Viterbese che hanno manifestato il loro cordoglio e hanno rappresentato la comunità provinciale ai funerali.

Ruben era l'ultimo di tre figli, cresciuti insieme e legati da un amore indissolubile. Prima di lui erano nati Kevin, 28 anni, e Astrid, 26. Poi il 26 settembre del 2000 è venuto al mondo Ruben, morto giovedì sera, tre giorni dopo aver compiuto 22 anni. "Era un ragazzo dal cuore grande. Così grande da essersi stancato di battere". È un passaggio del messaggio di cordoglio del sindaco di Blera, Nicola Mazzarella. Ruben se lo è portato via un malore improvviso e fulminante, sopraggiunto mentre stava giocando a calcetto con gli amici nel campo comunale del paese. Nonostante la tempestiva richiesta di aiuto, nonostante i sanitari del 118 si siano precipitati sul posto praticando lunghi tentativi di rianimazione, per Ruben non c'è stato nulla da fare.

IMG_20221001_152959-2

Blera oggi si è fermata. Nel giorno dei funerali, il sindaco Nicola Mazzarella ha proclamato il lutto cittadino. Silenzio, bandiere a mezz'asta e saracinesche abbassate in segno di rispetto e per sottolineare il dolore e il senso di smarrimento provato dall'intera comunità. Una comunità che si è subito stretta al dolore lancinante di mamma Gianna, di papà Francesco e di tutti i familiari e amici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio a Ruben: la maglia della Roma sul feretro, i palloncini giallorossi in cielo e le note di Vasco

ViterboToday è in caricamento