rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
PER NON DIMENTICARE / Blera

Morto improvvisamente a 22 anni | La sede della proloco di Blera porterà il nome di Ruben Ciarlanti: "Per la passione e la gioia che ci ha regalato"

L'intitolazione domenica 11 dicembre, giorno di San Vivenzio, patrono del paese

La sede della pro loco di Blera porterà il nome di Ruben Ciarlanti, il volontario di 22 anni morto improvvisamente il 29 settembre scorso mentre stava giocando a calcetto con gli amici. L'intitolazione verrà fatta domenica 11 dicembre, giorno di San Vivenzio, patrono di Blera. Alle 11,30 in piazza della Rocca. "Per l'impegno profuso, la dedizione, la passione e la gioia che ha sempre regalato alla nostra associazione e a tutto il nostro paese", è la motivazione.

La morte di Ruben è stata un dolore troppo grande. In queste settimane la pro loco si è fermata. Annullata a novembre la Festa del vino. "Per organizzare le cantine e fare in modo che riescano al meglio è necessario un entusiasmo particolare che al momento non abbiamo - spiegavano i volontari -. The show must go on: la festa deve continuare, nonostante tutto. E infatti continueremo, ma non subito. Adesso sarebbe soltanto una forzatura".

La ferita non si rimarginerà mai, ma la pro loco ha deciso che è arrivato il momento di ricominciare. Proprio dall'intitolazione della sede al loro grande amico. "Ripartiamo così con tutti i nostri progetti. Ripartiamo da lui e gli dedichiamo la nostra casa base. Perché è il minimo che possiamo fare. Perché se lo merita".

Chi era Ruben

Ruben, ultimo di tre figli dell'ex primo cittadino e attuale vicesindaco di Blera, Francesco Ciarlanti, era un ragazzo molto conosciuto e ben voluto. Non solo in paese, ma in gran parte della provincia. Era impegnato nel volontariato, attivo nella pro loco, amava il bene comune e mettersi al servizio dell'altro. La famiglia e gli amici, a cui era legatissimo, venivano prima di tutto. Il calcio era la sua più grande passione, ci giocava da quando era bambino. Era un tifoso sfegatato della Roma e "fissato" con le canzoni di Vasco Rossi.

Il malore improvviso

Se lo è portato via un malore improvviso e fulminante, sopraggiunto mentre stava giocando a calcetto con gli amici nel campo sportivo di Blera. Nonostante la tempestiva richiesta di aiuto, nonostante i sanitari del 118 si siano precipitati sul posto praticando lunghi tentativi di rianimazione, per il 22enne non c'è stato nulla da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto improvvisamente a 22 anni | La sede della proloco di Blera porterà il nome di Ruben Ciarlanti: "Per la passione e la gioia che ci ha regalato"

ViterboToday è in caricamento