rotate-mobile
IL PROCESSO / Capranica

Ubaldo Manuali, l'amico del netturbino accusato di stupro: "Mi inviava foto di parti intime di donne"

Il 59enne, secondo l'accusa, avrebbe narcotizzato, violentato e filmato le sue vittime. Il poliziotto che ha condotto le indagini: "Trovate due confezioni di benzodiazepine"

"Ubaldo Manuali mi mandava foto di parti intime delle donne con cui usciva". Un 65enne romano, amico del netturbino di Riano finito a processo per violenza sessuale aggravata e diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, testimone davanti al collegio dei giudici del tribunale di Viterbo.

"Mi raccontava - ha ripercorso il 65enne - delle sue situazioni sentimentali: "amori" e delusioni con le donne con cui usciva. Un paio di volte mi ha inviato anche dei messaggi più forti. Foto di donne in deshabillé, sessualmente esplicite, in cui si vedevano parti intime in primo piano: lato b ma anche a".

Contro Manuali, 59 anni, si sono costituite parti civili tre vittime: una donna di Capranica, una di Mazzano Romano e un'altra di Alatri in provincia di Frosinone. Già sentite dal collegio dei giudici presieduto da Daniela Rispoli, hanno raccontato lo stesso schema: adescate sui social, narcotizzate e, mentre erano incoscienti e inermi per i sonniferi presi a loro insaputa, stuprate, fotografate e filmate. Immagini che poi Manuali avrebbe inviato anche ad amici.

"L'indagine - ha ricostruito un ispettore del commissariato di polizia Flaminio nuovo - è iniziata il 16 gennaio 2023 su segnalazione dell'ospedale San Pietro di Roma per una donna che aveva subito una potenziale violenza sessuale in seguito alla somministrazione di sostanze, i cui esami hanno dato esito positivo. Sono state trovate, infatti, tracce di benzodiazepine che possono dare stordimento".

Gli agenti entrano prima in casa della donna a Mazzano Romano, dove sarebbero avvenuti gli abusi, e il giorno dopo in quella di Manuali a Riano. "Abbiamo perquisito sia l'abitazione che l'auto dell'imputato, trovando in entrambi i casi farmaci sedativo-ipnotici dello stesso tipo che lui ha detto essergli stati regolarmente prescritti dal medico di famiglia per uso personale". I poliziotti sequestrano al netturbino tre cellulari e un pc. "Dentro numerosissimi video e foto espliciti di donne in atti sessuali, che aveva inviato anche a terze persone. Sia in rubrica che su Facebook aveva centinaia di contatti con donne: è stato impossibile identificarle tutte. Ne abbiamo rintracciate tre, a cui abbiamo mostrato le immagini. Per loro è stata una visione molta dolorosa, sono rimaste particolarmente scosse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubaldo Manuali, l'amico del netturbino accusato di stupro: "Mi inviava foto di parti intime di donne"

ViterboToday è in caricamento