rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
EMERGENZA SPAZZATURA

900mila tonnellate in più di rifiuti nella discarica di Viterbo

Per l'impianto gestito da Ecologia Viterbo, che è in via di esaurimento a causa della spazzatura proveniente dal resto della regione, nel 2023 scatterà un ampliamento

La discarica di Viterbo verso un ampliamento, affinché possa arrivare a contenere 900mila tonnellate in più di rifiuti.

I lavori scatterebbero a marzo del 2023, mentre per il prossimo futuro è stato lanciato l'allarme: la discarica è in via di esaurimento. Insieme a quello di Albano, l'impianto di Viterbo al momento è l'unico funzionante nel Lazio. E qui stanno confluendo 50mila tonnellate di rifiuti da tutta la Regione. 

Nonostante si stiano riducendo i conferimenti - perché Roma sta portando circa mille tonnellate a settimana ad Albano - in modo da allungare la vita alla discarica del capoluogo della Tuscia, il tetto delle 50mila tonnellate, frutto di un accordo tra Regione Lazio ed Ecologia Viterbo per supportare gli Ato in difficoltà, si sta per raggiungere. E l'azienda si prepara a chiudere l'ingresso dell'impianto di Monterazzano ai rifiuti prodotti nelle altre province.

La ricezione o l'invio dovrebbero essere stoppati entro la fine di ottobre per evitare di mandare in emergenza gli ambiti di Viterbo e Rieti, che normalmente conferiscono nell'invaso. Poi, dopo il primo trimestre del prossimo anno, è previsto l'avvio dell'ampliamento di 900mila tonnelate di rifiuti, pari a 900mila metri cubi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

900mila tonnellate in più di rifiuti nella discarica di Viterbo

ViterboToday è in caricamento