rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
L'ADDIO

Doloroso lutto in città, è morta Rosanna De Marchi

Addio alla scrittrice, poetessa e autrice. Era anche Cavaliere della Repubblica. Viterbo sgomenta: De Marchi era molto conosciuta e benvoluta

Doloroso lutto a Viterbo, è morta Rosanna De Marchi. Scrittrice e autrice di libri storici e poetessa, era molto conosciuta, stimata e benvoluta in città. Viene ricordata come "una cara amica di Viterbo, che ha dato tanto per la città. Una persona favolosa, una grande donna, con un cuore grande". Nel 1993 era stata insignita dell'onorificenza di Cavaliere della Repubblica.

De Marchi, donna di cultura, è sempre stata attiva in città. Forte il legame e la collaborazione, soprattutto, con il centro polivalente del Pilastro, di cui era vicepresidente: indimenticabili le sue partecipazioni alla Calza della befana più lunga del mondo.

Lascia figlio e nipoti. E un'intera città rimasta sgomenta nell'apprendere la dolorosa e improvvisa notizia. Aveva da poco subito un intervento al cuore in un ospedale della Capitale. Tra le ultime persone ad averla sentita, poche ore fa, l'assessora Patrizia Notaristefano: "Non trovo le parole per esprimere il dolore per la perdita della cara Rosanna, che stamane aveva risposto ai miei messaggi dei giorni scorsi con un vocale in cui mi raccontava del post intervento difficile e doloroso ma anche pieno di speranza a cui avevo risposto con un messaggio di incoraggiamento e affetto seguito da un suo grande cuore. Così se ne è andata".

Tra i libri storici più significativi di De Marchi, "17 gennaio 1944" e "1900, cent'anni di storie italiane". Ha sottoscritto la sceneggiatura del film "Santa Rosa da Viterbo" e "Santa Gemma Galgani". Docente e sostenitrice in numerose iniziative culturali per la città di Viterbo.

"Rosanna - la ricorda Luigi Maria Gioioso - è stata la coregista dei miei film. Con lei ho realizzato cinque film. I miei ricordi vanno al film su santa Rosa da Viterbo, la sua città. Va via una parte di me per aver condiviso tante riprese. Senza di lei non avrei potuto fare nulla. Scrittice, ha scritto e amato la sua città Viterbo. Ha seguito dopo pochi mesi il marito Giorgio. Un dispiacere immenso. Ciao Rosanna ti ho voluto tanto bene, spero un giorno di ritrovarci con santa Rosa".

A esprimere cordoglio anche la sindaca Chiara Frontini. "Una tristissima notizia per Viterbo. Oggi ci ha lasciato la cara Rosanna De Marchi. Una donna che si è sempre spesa per la città, si è sempre donata agli altri. A tutte le persone che avevano bisogno di un gesto, di un sorriso, di una parola. Rosanna c’era sempre. Rosanna era la viterbesità, era un pezzo della nostra storia. Quella che fino all’ultimo ha coltivato e condiviso. La storia della nostra città. E la mostra che ha organizzato, ancora allestita nella chiesa di santa Maria della Salute, dedicata agli 80 anni del bombardamento di Viterbo del 17 gennaio 1944, è solo la testimonianza più recente. I suoi libri dedicati alla Viterbo di una volta, il suo impegno al centro sociale Pilastro e per la Calza della Befana più lunga del mondo. Una figlia della nostra città, a cui tutti noi abbiamo voluto bene e che continueremo a ricordare. Grazie Rosanna, di tutto. Viterbo ti abbraccia. A nome mio e dell’intera città di Viterbo, le più sentite condoglianze alla famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doloroso lutto in città, è morta Rosanna De Marchi

ViterboToday è in caricamento