rotate-mobile
Cronaca

Rudy Guede, l'avvocato della ex fidanzata: "Ha bisogno di protezione, è costretta in casa"

Il legale della ragazza che accusa il 36enne di violenza, lesioni e maltrattamenti: "Totalmente infondate le affermazioni dell'indagato al gip"

"Una ragazza che ha bisogno di protezione, ma che sta dimostrando dignità e coraggio". L'avvocato Francesco Guido parla così della 23enne viterbese, sua assistita, che ha denunciato Rudy Guede per violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti facendo scattare per il 36enne ivoriano il divieto di avvicinamento con il braccialetto elettronico. 

La misura è stata confermata dal gip del tribunale di Viterbo all'esito dell'interrogatorio di garanzia. "Ad oggi però - sottolinea l'avvocato Guido - non è ancora stata messa in atto, in quanto la ragazza non è stata dotata del dispositivo che rileva l'eventuale avvicinamento di Guede. È una questione tecnica, in quanto per l'attivazione servono anche sette giorni, ma ad esclusiva tutela della vittima è necessario fornirglielo quanto prima".

Davanti alla giudice Savina Poli, in circa due ore di interrogatorio alla presenza anche della pm Paola Conti e del suo difensore Carlo Mezzetti, Guede si è difeso e ha ribattuto alle accuse. Avrebbe detto di aver sempre rispettato la ragazza: "Non le ho mai fatto del male, non ho memoria di averle fatto qualcosa di brutto. Gli episodi sono inventati, sono solo bugie. I nostri rapporti erano consenzienti". Il 36enne avrebbe puntualizzato anche sulle lesioni denunciate dalla ex, affermando che quei lividi se li sarebbe procurata durante gli allenamenti di equitazione che più volte l'avrebbero fatta finire in ospedale. Inoltre, secondo Guede, la relazione sarebbe terminata per suo volere, nonostante avesse paura a lasciare la ragazza per la reazione che lei avrebbe potuto avere. "Era diventata una relazione tossica", avrebbe detto.

"Affermazioni totalmente infondate", per l'avvocato Guido. "La relazione - sostiene il legale - è finita per volontà della mia assistita, che ha dovuto bloccare il suo contatto sul cellulare per non ricevere più messaggi e telefonate. Da respingere totalmente anche la ricostruzione sulle lesioni: non ci sono attinenze con cadute da cavallo. Abbiamo modo di dimostrare tutto con assoluta serenità".

Già nel fascicolo aperto dalla procura sarebbero finiti, oltre al racconto della 23enne sentita in incidente probatorio per cristallizzare la sua versione, le testimonianze di chi nel periodo sotto esame, tra il 2022 e il 2023, avrebbe frequentato la coppia, documentazione medica e i messaggi acquisiti dal telefonino della giovane. Il tutto finito tra le carte degli inquirenti dopo la denuncia sporta in estate.

"È serena - riporta l'avvocato Guido - perché sa di aver fatto il proprio dovere. Ma non è tranquilla e sta vivendo la situazione con particolare ansia. È finita al centro di una vicenda molto più grande di lei e ha bisogno di protezione. Ma sta dimostrando dignità e coraggio, dando una lezione importante a tutte quelle donne che non hanno il coraggio di denunciare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rudy Guede, l'avvocato della ex fidanzata: "Ha bisogno di protezione, è costretta in casa"

ViterboToday è in caricamento