rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca

Rudy Guede, violenza e lesioni alla ex: la procura voleva l'arresto

Il gip ha respinto la richiesta di domiciliari, non riconoscendo l'accusa di maltrattamenti

Per Rudy Guede, indagato per maltrattamenti, violenza e lesioni personali sulla ex, la procura di Viterbo voleva gli arresti domiciliari. Richiesta respinta dal gip, che ha optato per la misura cautelare del divieto di avvicinamento fino a 500 metri dalla parte offesa con l'applicazione del braccialetto elettronico. Stando a quanto appreso da ViterboToday, nell'emettere il provvedimento il giudice per le indagini preliminari non avrebbe riconosciuto l'accusa di maltrattamenti.

Le indagini, condotte dai poliziotti della squadra mobile, hanno riguardato il periodo 2022-2023. Il quegli anni Guede conviveva con una ragazza viterbese di 23 anni, all'epoca sua fidanzata, che poi lo ha denunciato.

Guede, 36 anni, è stato l'unico condannato per il delitto della studentessa inglese Meredith Kercher, avvenuto a Perugia il primo novembre 2007. Sedici anni per violenza sessuale e concorso in omicidio, ma ne ha scontati 13 tra detenzione, semilibertà e una collaborazione con il Centro studi criminologici di Viterbo. A fine 2021 è tornato un uomo libero, scegliendo di restare a vivere e lavorare nel capoluogo della Tuscia. Per il delitto Kercher non ha mai smesso di professarsi innocente.

Le altre notizie

Violenza e lesioni alla ex compagna, braccialetto elettronico per Rudy Guede

Raffaele Sollecito: "Guede indagato per violenza alla ex? Non è cambiato e non si è pentito"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rudy Guede, violenza e lesioni alla ex: la procura voleva l'arresto

ViterboToday è in caricamento