Domenica, 14 Luglio 2024
IL REPORT

62 persone scomparse e non più ritrovate nel 2023

In notevole aumento le denunce presentate lo scorso anno nella Tuscia: il rapporto del Viminale

Sono state 139 le persone scomparse nella Tuscia nel 2023. Settantasette sono state ritrovate (una, purtroppo, senza vita), mentre 62 ancora no. È quanto emerge dalla 30esima relazione del ministero dell'Interno sull'attività svolta lo scorso anno dall'ufficio del commissario straordinario del governo per le persone scomparse. Per la provincia di Viterbo un dato in aumento, che va di pari passo con quello nazionale e regionale, anche se rispetto alle altre province del Lazio è più deciso. Nel 2022 le denunce erano state 57 e 20 le persone da ritrovare.

Gli scomparsi nel Lazio

In tutto il Lazio nel 2023 le denunce di scomparsa sono state 1812 (nel 2022, 1388): 1111 persone sono state rintracciate (di cui 11 morte), mentre 701 risultano ancora sparite. La maggior parte dei casi a Roma e provincia: 1242 persone, di cui 828 ritrovate e 414 ancora no. Seguono Frosinone con 189 denunce (96 ritrovati e 93 da rintracciare) e Latina con 172: 75 ritrovati e 97 da rintracciare. A Rieti, invece, le denunce sono state 70: 35 persone sono state ritrovate mentre le altre 35 risultano ancora scomparse.

Delle 1812 persone sparite, 917 (50,6%) sono stranieri e 895 (49,4%) italiani. Per quanto riguarda il sesso, invece, il 68,3% (1238) sono uomini mentre il 31,7% (574) sono donne. Sul totale, nel 57,4% dei casi si tratta di bambini e ragazzi fino a 17 anni (1041), il 35,7% ha invece tra i 18 e 65 anni (646) e il 6,9% over 65 (125)

Italia: scomparsi soprattutto minori e stranieri

Lo scorso anno in Italia sono state 29mila 315 le denunce di scomparsa presentate alle forze dell'ordine (14mila 159 i ritrovati, 15mila 156 ancora no), pari a una media di 80 al giorno. Dato che presenta un aumento pari al 20,3% rispetto al 2023, quando le denunce sono state 24mila 369. 

Quasi il 75% delle denunce ha riguardato la scomparsa di minori. Su 21mila 951 complessive, 4mila 416 sono state relative a italiani e 17mila 535 a stranieri. Un dato che, rispetto al 2022 quando c'erano state 4mila 128 segnalazioni per minori italiani e 13mila 2 per minori stranieri, fa registrare un aumento soprattutto in relazione ai secondi.

La relazione fa una disamina anche in riferimento alla nazionalità: 19mila 646 denunce sono riferite a cittadini stranieri e 9mila 669 a italiani. Nel 2022 erano state, rispettivamente, 15mila 152 e 9mila 217. Numeri che, anche in questo caso, indicano come l'aumento delle denunce coinvolga maggiormente cittadini stranieri.

Denunciare subito

Dalle statistiche emerge come per il rintraccio della persona sia fondamentale la prima settimana dalla denuncia di scomparsa, dato che conferma l'importanza di procedere a una tempestiva segnalazione e di avviare interventi quanto più rapidi possibili. "Il Viminale - commenta il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi - riserva da sempre il massimo impegno nell'affrontare questo complesso fenomeno che coinvolge ogni anno migliaia di persone, per la maggior parte minori e soggetti fragili, con riflessi profondi sulle famiglie che vivono la tragedia della scomparsa dei propri cari. Lavoriamo tutti i giorni per potenziare e rendere sempre più efficienti i nostri strumenti di intervento. Uno sforzo costante che coinvolge prefetture, forze di polizia, vigili del fuoco, protezione civile, soccorso alpino e associazioni di volontariato che quotidianamente forniscono il loro prezioso contributo al sistema di ricerca delle persone scomparse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

62 persone scomparse e non più ritrovate nel 2023
ViterboToday è in caricamento