rotate-mobile
Cronaca

"Tuo figlio ha avuto un incidente, dacci 5mila euro": anziana fa arrestare due 20enni

La vecchietta non è caduta nella trappola dei truffatori e ha allertato la polizia

Ieri pomeriggio due 20enni napoletani sono stati arrestati in flagranza di reato, a Viterbo, dai poliziotti della questura, per tentata truffa ai danni di una donna di 82 anni.

Nella tarda mattinata precedente la signora ha ricevuto la telefonata, tipica in questi casi, del falso incidente stradale in cui era rimasto vittima un familiare. L’uomo al telefono, presentantosi come maresciallo dei carabinieri, prima ha raccontato che il figlio della donna aveva provocato un incidente e poi le ha passato un altro interlocutore, qualificatosi come un sedicente avvocato, il quale le ha chiesto di pagare una somma di denaro di almeno 5mila euro per risolvere velocemente la situazione.

La donna, che aveva visto qualche giorno prima sul programma televisivo “La vita in diretta” un servizio sulle truffe agli anziani, ha capito di essere stata individuata come potenziale vittima e così, alla richiesta dei truffatori di contare al telefono il denaro disponibile, ha preso un’agendina e sfogliandola pagina per pagina ha fatto finta di contare i soldi, facendo credere ai due malfattori di essere riusciti a carpirne la buona fede, tanto da riuscire a ottenere uno sconto dopo aver riferito loro di avere a portata di mano soltanto la metà della somma.

Una volta finto di acconsentire a ricevere il collaboratore del sedicente avvocato per consegnargli quanto pattuito, la donna ha chiamato il 112 e ha raccontato tutto agli operatori della sala operativa della questura. A quel punto è stato allertato il dispositivo di controllo del territorio e avviata l’attività investigativa degli agenti in borghese della squadra mobile diretta da Emanuele Vaccaro.

L’appostamento ha permesso di individuare e poi di catturare sia il giovane che si era presentato di fronte all’abitazione, citofonando insistentemente alla signora, sia il complice che lo stava aspettando in auto poco distante il quale, vistosi scoperto, ha tentato di darsi alla fuga, ma è stato subito bloccato da una volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, diretto da Riccardo bartoli.

I due giovani sono stati arrestati e portati nel carcere di Viterbo a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa del processo per direttissima di domani mattina.

La questura fa sapere che "sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se siano responsabili di altre truffe sul territorio. Rimane alta l’attenzione sul fastidioso fenomeno delle truffe con l’organizzazione di mirati incontri dedicati agli anziani e ai loro accompagnatori. In caso di qualsiasi dubbio il consiglio è quello di alleratre con immediatezza le forze di polizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tuo figlio ha avuto un incidente, dacci 5mila euro": anziana fa arrestare due 20enni

ViterboToday è in caricamento