rotate-mobile
Cronaca

È morto il fotografo Walter Selva, la Tuscia perde un grande artista

Con il suo occhio e obiettivo ha raccontato la città e ha esaltato l'amore per la vita e la bellezza del nudo femminile

La Tuscia perde un grande artista e gentiluomo. È morto a 72 anni il fotografo Walter Selva. Si è spento ieri pomeriggio, sabato 21 ottobre, dopo aver lottato con coraggio contro una brutta malattia.

Figlio di ferroviere, Selva nasce nell'agosto del 1951 proprio alla stazione ferroviaria di Blera. Per alcuni anni segue le orme del padre, anche come capotreno a Orte, ma le sue vere e grandi passioni sono sempre state altre. E segneranno fortemente la sua vita. La musica e la fotografia. Interrompe così gli studi universitari, anche per il conformismo politico imperante tra la fine degli anni '60 e l'inizio dei '70, e apre un negozio di dischi a Viterbo. In via Cavour, facendolo presto diventare uno dei più noti della città.

Selva si occupa professionalmente di musica per una decina di anni, poi arriva la fotografia a segnare una nuova svolta nella sua vita. "Per un curioso gioco del destino", raccontava lui. Alla fine degli anni '90 diventa fotografo professionista del Corriere di Viterbo, si iscrive all'ordine dei giornalisti ed è referente locale di agenzie nazionali e internazionali, quotidiani e periodici: Olycom, Assiociated Press e Der Spiegel. Con il suo occhio e obiettivo ha raccontato la vita della città. Sempre con umanità, professionalità ed eleganza.

Selva, tuttavia, ha trovato la massima espressione artistica nella fotografia di studio e nella ricerca sul nudo. "Dove - diceva - la luce è protagonista poetica e assoluta su corpi senza volto". Celebri, oltre che bellissime, le sue mostre a tema, dove esprimeva ed esaltava tutto l'amore per la vita e il genio che aveva.

Uomo e professionista sempre gentile, rispettoso e disponibile, è riuscito a non farsi strappare via il sorriso nemmeno dalla malattia. Quell'"Hey ragazzo, come va?" che esclamava ogni qualvolta incontrava un amico o un collega resterà nella memoria di molti. Indimenticabile.

Anche il Sodalizio dei facchini di santa Rosa piange e ricorda Selva. "Profondo cordoglio per la scomparsa di Walter Selva, grande maestro della fotografia, persona gradevole, garbata, di notevole spessore umano e professionale. I facchini si uniscono al dolore dei familiari e degli amici della stampa con cui Walter ha collaborato proficuamente per tanti anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morto il fotografo Walter Selva, la Tuscia perde un grande artista

ViterboToday è in caricamento