rotate-mobile
Cucina

Soffice, burroso e buonissimo: la ricetta del pandoro. Come farlo in casa

Vediamo i passaggi da seguire nella preparazione di questo dolce tipico delle festività natalizie

Tra i classici dolci di Natale non può mancare il pandoro. Se vi dilettate in pasticceria e se avete del tempo a disposizione, potete pensare di prepararlo direttamente in casa: vediamo come fare.

Ingredienti

Per la biga

  • 45 g di Farina di Manitoba 
  • 30 g di Acqua
  • 5 g di Lievito di birra fresco 

Per il primo impasto

  • 80 g Biga 
  • 90 g Farina Manitoba 
  • 20 g Zucchero
  • 50 g Uova 
  • 7 g Lievito di birra fresco

Per il secondo impasto

  • 210 g Farina Manitoba 
  • 90 g Zucchero 
  • 10 g Miele di acacia 
  • 100 g Uova 
  • 20 g Tuorli 
  • 1 Baccello di vaniglia
  • Mezza Scorza di limone
  • 125 g Burro morbido

Preparazione della biga

Prima di iniziare la preparazione del pandoro dobbiamo realizzare la biga, l'impasto ha lo scopo di rendere il dolce natalizio fragrante e aromatico e a cui è difficile resistere! Come prima cosa, in una ciotola dobbiamo mettere la farina di Manitoba, il lievito di birra sbriciolato e l'acqua. Una volta amalgamati velocemente gli ingredienti, dobbiamo ricoprire l'impasto con la pellicola e lasciarlo riposare una notte intera.

Preparazione del primo impasto

Trascorse dodici ore, possiamo riprendere la biga e iniziare la preparazione del pandoro. La ricetta ha una tradizione antica, quindi un tempo non c'erano gli strumenti che abbiamo a disposizione noi oggi. Tutto veniva impastato a mano con grande fatica, mentre oggi possiamo ricorrere agli elettrodomestici e, in particolare, alla planetaria.

Armati di bilancia, dobbiamo pesare la farina di Manitoba, lo zucchero e il lievito di birra fresco ed inserirli nella ciotola dell'apparecchio munita di gancio. Mentre la planetaria è a velocità media aggiungiamo un uovo: facciamola andare fino a quando non viene assorbito e l'impasto si sarà incordato vicino al gancio.

A questo punto trasferiamo il composto su un piano infarinato e con l'aiuto di un tarocco pieghiamo i lembi verso l'interno per aiutare la lievitazione e dare ariosità all'impasto.

Ripiegato l'impasto su se stesso dobbiamo rigirarlo e creare una palla che andremo a mettere all'interno di una ciotola con le pieghe a contatto con il fondo. Una volta coperto con la pellicola dobbiamo aspettare che raddoppi di volume. Per accelerare i tempi un piccolo segreto è quello di metterlo all'interno del forno con luce accesa e nel giro di un paio d'ore avremo il risultato sperato!

Preparazione del secondo impasto

Quando l'impasto sarà lievitato possiamo riprenderlo e inserirlo all'interno dell'impastatrice insieme al miele, alla vaniglia, al limone, allo zucchero e alla farina di Manitoba. Mentre la planetaria è in funzione si uniscono le uova e una volta assorbite possiamo aggiungere i tuorli. Quando l'impasto risulta elastico, con l'apparecchio in funzione, dobbiamo versare il burro morbido e una volta ben amalgamato, dobbiamo mettere il composto su un piano di lavoro e realizzare le pieghe di rinforzo. Come per il primo impasto, va realizzata una sfera.

Una volta che la palla sarà liscia e tesa, possiamo inserirla all'interno dello stampo imburrato con le pieghe verso l'alto e lasciarlo riposare per circa 8-12 ore, il tempo che impiegherà per lievitare e raggiungere il bordo dello stampo.

Trascorso questo tempo, mettiamo nella parte bassa del forno una ciotola con acqua calda, mentre il pandoro nella parte alta e lo lasciamo cuocere per 55 minuti a 150° in modalità statica. L'acqua aiuterà a creare la giusta umidità e a far dorare il pandoro.

Dopo la cottura, lasciamo raffreddare completamente il dolce natalizio capovolto e quando sarà pronto, non ci resta che sformarlo, ricoprirlo con lo zucchero a velo e gustarlo in compagnia dei nostri cari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soffice, burroso e buonissimo: la ricetta del pandoro. Come farlo in casa

ViterboToday è in caricamento