rotate-mobile
I NOSTRI IMPRENDITORI

Enerpetroli, Orsolini, Stelliferi, Eleonora Bonucci e gli altri: la Tuscia si gode le sue aziende milionarie

Ecco chi sono e quanto fatturano i migliori imprenditori della Tuscia. Delusione per la ceramica di Civita Castellana

Spesso si dice che la Tuscia non sia una provincia industriale. Ed in parte questo concetto corrisponde alla verità, visto che il terziario non è di certo uno dei settori in cui il Viterbese annovera le proprie eccellenze. Ma, a discapito di quanto si possa pensare, anche dalle nostre parti esistono aziende con fatturati molto importanti. Il portale reportaziende.it, che contiene tutti i dati relativi alle imprese nazionali, ha stilato una classifica di quelle dal fatturato più alto nella provincia di Viterbo.

A guidare la graduatoria dei fatturati c’è una società petrolifera. La Enerpetroli, presente in tutta la Tuscia con decine di distributori, si guadagna il titolo di azienda più importante con i suoi 256 milioni di euro. Al secondo posto troviamo una vera e propria istituzione del campo edilizio viterbese, la Orsolini di Vignanello, con 168 milioni. Il divario è di quasi 100 milioni, statistica certamente condizionata dall’aumento del prezzo della benzina. Ma la Enerpetroli è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni, basti pensare che, nel 2017, il fatturato ammontava a meno di 168 milioni. 

A completare il podio c’è la Palomar, società di proprietà dei fratelli Pietrini e detentrice del marchio Scarpamondo, con un fatturato da 100 milioni. Si trova al Poggino la quarta azienda, la Mancinelli Spa, specializzata nel settore alimentare (73 milioni di euro). Al quinto posto, poi, troviamo la Stelliferi e Viconuts di Ronciglione (71 milioni), eccellenza nel campo della lavorazione delle nocciole e partner stabile di Loacker. 

Guardando alla classifica, delude certamente il polo ceramico di Civita Castellana, che, malgrado la rinomata qualità dei suoi prodotti, non piazza nessuna sua azienda nella top 5. Per trovarne una, la Catalano (fatturato da 58 milioni), bisogna scorrere fino al sesto posto. Esattamente gli stessi numeri per un’imprenditrice che sta riscuotendo notevole successo: Eleonora Bonucci, dell’omonima boutique affiliata ai marchi d’abbigliamento più conosciuti d’Italia e del mondo tra cui Gucci, Fendi, Givenchy, Versace e Balenciaga.  

Al settimo posto (48 milioni) figura poi la Dimar, azienda di Valentano che si occupa di produrre articoli di pelletteria destinati ai colossi dell’abbigliamento internazionale. Stesso fatturato per la concessionaria Strappini di Orte, mentre ammonta a 45 milioni il fatturato della Cancellieri Carburanti di Vetralla. Figura nella graduatoria anche Talete, la controversa società che gestisce il servizio idrico pubblico e sembrerebbe essere in procinto di essere privatizzata.

Queste sono le dieci aziende viterbesi dal fatturato più importante. Ma ce ne sono molte altre dai fatturati milionari. Ad esempio la Agrifish (28 milioni), leader nel comparto ittico specializzata nel commercio all’ingrosso di prodotti alimentari surgelati e congelati. La Zootecnica viterbese, invece, vanta 26 milioni di euro, mentre un’altra big dell’edilizia, la Saggini, arriva a 21 milioni. Non ha sede a Viterbo ma è di proprietà di un viterbese, infine, l'Elitaliana, che conta 20 milioni euro di computo. Il suo leader, Alessandro Giulivi, è l'attuale sindaco di Tarquinia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enerpetroli, Orsolini, Stelliferi, Eleonora Bonucci e gli altri: la Tuscia si gode le sue aziende milionarie

ViterboToday è in caricamento