rotate-mobile
INVESTIMENTI

3milioni di euro per valorizzare l'Etruria meridionale, nel piano straordinario della Regione anche quattro comuni della Tuscia

Previsti investimenti per 16 comuni del Lazio

Un piano straordinario per valorizzare i 16 comuni dell’Etruria meridionale. Un investimento di 2 milioni e 700 mila euro nel biennio 2022-2023 per realizzare un sistema integrato di sviluppo del territorio in grado di coniugare il patrimonio archeologico, storico, artistico, culturale e ambientale con le opportunità di crescita economica e occupazionale. Il consiglio della Regione Lazio ha approvato all’unanimità la legge regionale per lo sviluppo e la valorizzazione di questo importante territorio e, in particolare, per i comuni di Civitavecchia, Tarquinia, Montalto di Castro, Tuscania, Monte Romano, Tolfa, Allumiere, Canale Monterano, Manziana, Bracciano, Anguillara Sabazia, Trevignano, Cerveteri, Ladispoli e Fiumicino.

Gli obiettivi del piano

La legge, che vede come firmatari a consigliera di Italia Viva, Marietta Tidei, e il consigliere del Pd, Emiliano Minnucci, si pone alcuni obiettivi fondamentali. Il più importante, probabilmente, riguarda lo sviluppo e l’ottimizzazione della viabilità. È previsto, infatti, il potenziamento della rete viaria di collegamento tra il porto di Civitavecchia e l’aeroporto internazionale di Roma - Fiumicino “Leonardo da Vinci” con i comuni dell’Etruria meridionale, unitamente allo sviluppo ecosostenibile dei porti di Civitavecchia e Fiumicino.

Spazio anche per l’ambiente, con il recupero di aree degradate, interventi per la difesa del suolo e la rinaturalizzazione di habitat naturali. Nel piano sono previste anche la conservazione, valorizzazione, e riqualificazione del patrimonio storico, artistico, e archeologico. L’obiettivo, anche mediante l’utilizzo di moderne tecnologie, è quello di incentivare la promozione e l’incremento delle attività culturali e turistiche. Infine, si cercherà di promuovere il patrimonio ittico e agroalimentare dell’Etruria meridionale, in particolare quello legato alla produzione vitivinicola e ai prodotti locali di eccellenza, favorendo lo sviluppo di bio imprese agricole e bio distretti.

Come funziona il piano straordinario

Approvata la legge, verrà costituito un comitato istituzionale composto dall’assessore regionale allo sviluppo economico, che lo guida, e dai sindaci dei 16 comuni quali soggetti attuatori, coinvolti per la definizione dei progetti da sottoporre alla giunta regionale, ai fini dell’approvazione del piano straordinario. Saranno quindi i territori a stabilire le priorità del territorio, con i comuni chiamati a fare lo sforzo di ragionare su vasta e scala e non limitatamente ai loro confini. Potranno infine concorrere alla realizzazione degli interventi le fondazioni di partecipazione, le associazioni e le organizzazioni riconosciute che si occupano della valorizzazione e della promozione del territorio.  

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione all’unanimità della legge – scrive, in una nota, la consigliera Marietta Tidei - il provvedimento, che mi vede come prima firmataria, darà vita a un nuovo modello di gestione del territorio. Ringrazio il collega Emiliano Minnucci, che ha firmato con me questo provvedimento, e l’assessore Paolo Orneli per il proficuo lavoro svolto e per il sostegno e i comuni e le associazioni che ci hanno fornito spunti interessanti e utili in fase di audizione”.

Per Emiliano Minnucci, la legge “sancisce la creazione di una rete tra istituzioni e cittadini – si legge in una nota del consigliere dem - un’occasione per risolvere concretamente i problemi cronici che viviamo quotidianamente. Una legge che guarda alle future generazioni”.

“Si tratta di una legge molto importante che interesserà un’area di oltre 1000 chilometri quadrati, tra Civitavecchia, i Monti della Tolfa, il lago di Bracciano e Fiumicino – ha dichiarato l’assessore regionale allo sviluppo economico, commercio e artigianato, università, ricerca, startup e innovazione, Paolo Orneli – e che promuove un sistema sostenuto da risorse pubbliche e private, che darà vita a un nuovo modello di gestione del territorio, del patrimonio ambientale, del paesaggio, di salvaguardia e recupero dei beni storico-archeologici e artistici del nostro territorio, per costruire un modello di sviluppo durevole nel tempo capace di attrarre investimenti e dare nuove opportunità occupazionali”.

Il commento di Silvia Blasi, consigliera regionale M5s

 “Grazie all’approvazione di un mio emendamento, la legge regionale per lo sviluppo economico e la valorizzazione territoriale dell’Etruria meridionale ha incluso anche la provincia di Viterbo tra i territori interessati. In questo modo anche i comuni di Tarquinia e Monte Romano, che rappresentano una parte importante dell’Etruria, potranno beneficiare dei sostegni regionali che daranno vita a un nuovo modello di sviluppo, basato sul rilancio dell’economia locale tramite la valorizzazione delle risorse presenti sul territorio e lo sviluppo di nuove attività, attirando investimenti e garantendo nuove opportunità occupazionali.

Grazie agli altri emendamenti approvati – prosegue la consigliera M5s – saranno valorizzati anche gli edifici storici presenti sulle aree fluviali, quali mulini ed altri manufatti e le antiche vie consolari ai fini di una maggior rivalutazione. Attenzione anche agli itinerari sportivi ed escursionistici e alla crescita produttiva ecosostenibile ed ecocompatibile del territorio. Questa legge costituisce un punto di partenza fondamentale per la promozione e la valorizzazione di un territorio dal grande valore ambientale e storico-artistico, senza dimenticare la peculiarità dei singoli territori e la partecipazione attiva delle comunità locali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

3milioni di euro per valorizzare l'Etruria meridionale, nel piano straordinario della Regione anche quattro comuni della Tuscia

ViterboToday è in caricamento