rotate-mobile
Cultura

Il San Leonardo diventa luogo della cultura a 360 gradi: dopo cinema e teatro uno spazio dedicato ad autori ed editori

Amore letteratura è il nuovo format del Bistrot del teatro San Leonardo. I titolari Vanessa Sansone e Giuseppe Berardino: "Offriamo alla città nuove occasioni di incontro e condivisione"

Amore letteratura è il nuovo format del Bistrot del teatro San Leonardo che nasce dalla volontà dei titolari Vanessa Sansone e Giuseppe Berardino. "Con la nuova stagione teatrale Oltreconfine e il successo del Cinematografo - dichiarano - la nostra intenzione continua a essere quella di offrire alla città nuove occasioni di incontro e condivisione, che non possono prescindere da un impegno etico di divulgazione culturale a 360 gradi. La nostra più grande gratificazione è apprendere che il supporto da parte di tutti non manca. I progetti in cantiere sono molti e diversificati e, in questo senso, ci auguriamo che la risposta della città cresca e si faccia sentire sempre di più".

Amore letteratura si offre al pubblico quale immagine di un viaggio immersivo e interdisciplinare, a stretto contatto con i volti che popolano e nutrono il panorama culturale e letterario, tanto nazionale quanto internazionale. Piccole e grandi case editrici, così come autori affermati ed emergenti, saranno accolti e presentati al pubblico in un'ottica di piena condivisione di intenti, mirati ad attenzionare l'importanza di un dialogo assiduo tra più ambiti del sapere e della trasmissione formativa della collettività.

Il nuovo format del Bistrot del teatro San Leonardo è stato inaugurato il 16 novembre, in occasione della presentazione del libro di Claudio Chiavari “Per i sogni non ci sono segreti”, edito da Sbs di Sheyla Bobba. Nel corso della presentazione sono intervenuti anche Daniela Venanzi, assessora a cultura, turismo e via Francigena del Comune di Vetralla, Simone Precoma, direttore artistico della stagione teatrale Oltreconfine, e l'attrice Dorina Caprara, che ha interpretato alcuni passi ripresi dal libro.

Previsti altri due incontri con la casa editrice Sette città: il 23 novembre alle 17,30 per la presentazione del libro “Tuscia in pillole” di Vincenzo Ceniti che dialogherà con Giorgio Nisini, e il 7 dicembre alle 17,30 per la presentazione del libro “Artefatto” di Augusto Scano che dialogherà con Roberto Pomi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il San Leonardo diventa luogo della cultura a 360 gradi: dopo cinema e teatro uno spazio dedicato ad autori ed editori

ViterboToday è in caricamento