rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
RESTITUTIO MEMORIAE / Carbognano

Giulia Farnese, un anno di eventi per celebrare la signora di Carbognano

Progetto culturale del Comune, con tanto di logo ad hoc, per il quinto centenario della morte di "Giulia la bella": il programma completo

"Restitutio memoriae, il mito di Giulia". È nome dato al progetto culturale del Comune di Carbognano dedicato alla celebrazione del quinto centenario della morte di Giulia Farnese, conosciuta come “Giulia la bella”.

Un'occasione per rivivere il Rinascimento

Le finalità del progetto sono molteplici e ambiziose, come annunciato dal Comune: "Oltre a commemorare la figura di Giulia Farnese, si propone di promuovere il patrimonio storico e culturale di Carbognano, di sensibilizzare sul ruolo delle donne nel Rinascimento e di stimolare l'interesse per la storia locale tra i residenti e i visitatori". Le celebrazioni in onore di Giulia Farnese rappresentano quindi un'occasione unica per rivivere la storia e l'arte del Rinascimento italiano, celebrando una donna straordinaria che ha lasciato un'impronta indelebile nel cuore di Carbognano e oltre.

Le iniziative

Una delle prime iniziative è l'adozione di un logo distintivo, scelto attraverso un bando pubblico, che diventerà il volto visibile e unificante della manifestazione, contribuendo a promuoverla. Inoltre sono stati attivati partenariati territoriali tra i quali la Rete di impresa Carbognano “Rete di Giulia”, impegnata nella realizzazione di alcuni eventi previsti nel calendario delle celebrazioni. L'associazione Pro loco di Carbognano che organizzerà la rievocazione storica e alcuni appuntamenti enogastronomici e il Centro studi ricerche di Carbognano che, attraverso lezioni didattiche mirate e progetti educativi dedicati, farà approfondire agli studenti la storia locale e scoprire il ruolo fondamentale di Giulia Farnese nella sua formazione. In questo modo i giovani diventeranno veri e propri custodi della memoria, contribuendo a preservare e trasmettere il patrimonio storico e culturale della loro comunità.

La presentazione di Restitutio memoriae: il mito di Giulia

La rete

Il progetto ha ottenuto il patrocinio e il sostegno di numerose istituzioni, tra cui il ministero dei Beni culturali, la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo, la Comunità montana e l'associazione Rievocazioni storiche del Lazio. "Questo sostegno istituzionale - commenta il Comune di Carbognano - conferma l'importanza e la rilevanza del progetto nel contesto culturale e sociale della regione". Oltre il sostegno delle realtà istituzionali e dell'associazionismo locale, il progetto ha ottenuto il supporto economico di aziende private, in qualità di sponsor. "Hanno deciso - sottolinea il Comune - di investire in questo progetto turistico-culturale attivando di fatto una collaborazione pubblico-privato che ha consentito l'incremento dell'offerta culturale e una maggiore diffusione promozionale in ambito provinciale e regionale".

"Il progetto “Restitutio Memoriae, il mito di Giulia” rappresenta - conclude il Comune di Carbognano - un'opportunità unica per celebrare e valorizzare la figura di Giulia Farnese e il territorio di Carbognano. Invitiamo tutti i cittadini e gli appassionati di storia e cultura a partecipare attivamente a questa straordinaria iniziativa".

Il programma

Il programma di Restitutio memoriae: il mito di Giulia

Chi era Giulia Farnese

Giulia Farnese, meglio conosciuta come “Giulia la bella”, fu una figura di grande rilievo nella Roma rinascimentale, tanto da essere descritta come la preferita del papa Alessandro VI Borgia. Il suo legame con Carbognano è profondo e intriso nella storia: dopo la morte del marito Orsino Orsini, divenne la signora di Carbognano nel 1500, conducendo una vita attiva e influente nella gestione del feudo.

Giulia Farnese trascorse ben vent'anni della sua vita nel maestoso castello di Carbognano. Dopo la prematura scomparsa del marito, si trovò a gestire direttamente il feudo, immergendosi completamente nella sua amministrazione e cura. Questo periodo segnò una fase significativa della sua vita, durante la quale dimostrò non solo le sue straordinarie doti di bellezza e carisma ma anche le sue capacità amministrative e gestionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulia Farnese, un anno di eventi per celebrare la signora di Carbognano

ViterboToday è in caricamento