Mercoledì, 17 Luglio 2024
SU IL SIPARIO SULLA NUOVA STAGIONE

Da Sabina Guzzanti ad Anna Foglietta, per il teatro dell'Unione dieci spettacoli ed attori di fama nazionale

Presentata la nuova stagione teatrale. L'assessore alla cultura Antoniozzi: "Prezzi popolari, migliore programma degli ultimi anni". Ecco il programma completo

Massimo Popolizio, Vinicio Marchioni, Sabina Guzzanti, Anna Foglietta. Questi alcuni degli attori che saranno a Viterbo per la stagione teatrale 2022/23, che comincerà il 30 ottobre. A presentare il programma, l’assessore e vicesindaco Alfonso Antoniozzi e Luca Fornari di Atcl.

“Da qualche anno - ha detto Fornari - lavoriamo con il comune, l’entusiasmo e la spinta che ci ha trasmesso ulteriormente Antoniozzi i. questa prima programmazione comune è stato qualcosa di straordinario. L’impegno è sempre quello di dare maggior vita al Teatro dell’Unione, maggiore apertura, un’implementazione delle attività. Quando le amministrazioni locali ci mettono a dura prova, e non succede spesso, come nel caso di Viterbo, siamo contenti. Speriamo di contribuire al rilancio del teatro, cuore pulsante della città e della comunità”. 

“Questa - ha invece spiegato Antoniozzi - è la stagione in abbonamento, stiamo lavorando a quella fuori, ad una di teatro amatoriale, una di danza ed una dedicata ai giovani. Il cartellone è stato ragionato in agosto e, purtroppo, volevamo arrivare a tredici spettacoli ma ci siamo dovuti fermare a dieci per mancanza di disponibilità. Tante volte si è parlato degli antichi fasti del Teatro Unione, quelli che presentiamo oggi sono i fasti 2.0. Questa è una stagione all’altezza di quelle dei massimi teatri italiani, perché raccoglie le stesse produzioni che vanno in scena a Roma, Milano e Genova su tutti”. 

L’assessore ha sciorinato tutti i dieci spettacoli in programma: “Quello iniziale è una rivisitazione in chiave reale del mito del dottor Faust, un teatro musicale. Poi avremo un testo sulla violenza di genere e la gestione della gravidanza, con Paola Minaccioni che è per me la miglior attrice sulla scena. Il terzo sarà ‘Dal sogno alla scena’, con Daniel Pennac. Poco allestimento ma molti contenuti. La quarta opera è ‘Le verdi colline dell’Africa’, con Sabina Guzzanti che rielabora il testo ‘Insulti al pubblico, chiave di volta del teatro contemporaneo. Successivamente un classico, Cyrano de Bergerac, una sorta di teatro musicale. Il primo febbraio su il sipario per ‘Le nostre anime di notte’ che parla di una storia d’amore nella terza età. Undici giorni dopo, avremo il piacere di ospitare due mostri sacri della scena italiana: Umberto Orsini e Franco Branciaro. Il 21 febbraio, con ‘Chi ha paura di Virginia Woolf’, che non ha bisogno di intro, avremo altre due eccellenze del teatro italiano, Vinicio Marchioni e Sonia Bergamasco”. Gran finale con le date del 10 marzo e 25 aprile: “Dato che sono contrario al boicottaggio della letteratura russa, presenteremo ‘Il gabbiano’ de il progetto Checov, per chiudere infine con ‘Uno sguardo dal ponte’ di Massimo Popolizio in data unica”. 

“Da uomo di teatro - ha concluso Antoniozzi - io farei l’abbonamento. Se mi avessero proposto una stagione così, io mi sarei scapicollato per farlo, anche perchè, alla fine, pur avendo noi aumentato di una serata rispetto all’altr’anno, per i prezzi c’è un piccolo ritocco verso l’alto ma, comunque, con 18,50€ si va in poltronissima. Non c’è uno spettacolo che non valga la pena di esser visto, qui non c’è fuffa ma 10 spettacoli di pregio assoluto. Gli insegnanti possono comprare l’abbonamento con la carta del docente, è una stagione che la città non vede da un po’”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Sabina Guzzanti ad Anna Foglietta, per il teatro dell'Unione dieci spettacoli ed attori di fama nazionale
ViterboToday è in caricamento