Lunedì, 15 Luglio 2024
Casa

Bonus condizionatori 2024, cos'è e a chi spetta

E' possibile portare in detrazione la spesa dei condizionatori "legandoli" ad alcuni bonus edilizi. Scopriamo come e chi può farlo

Con l'arrivo del caldo a Roma è impossibile vivere in casa o in ufficio senza condizionatori; si può provare con soluzioni alternative ma, quando l'afa prende il sopravvento e le temperature toccano picchi di 40 gradi, i climatizzatori sono indispensabili. Per chi ha appena acquistato una casa che ne è sprovvista o per chi ha condizionatori datati che andrebbero sostituiti, la buona notizia si chiama "Bonus condizionatori" e prevede la detrazione di parte delle spese sostenute per l'acquisto di impianti di climatizzazione. Come funziona? A chi spetta? Facciamo chiarezza.

Bonus condizionatori 2024, che cos'è

Innanzitutto è bene sottolineare che non esiste un vero e proprio Bonus condizionatori, ma che sotto questi termini, si indica la possibilità di portare l'impianto di climatizzazione in detrazione, tramite il modello 730/2024, legando la spesa ad alcuni bonus edilizi; nello specifico si tratta di: bonus ristrutturazioni edilizie  (50%), bonus mobili (50%), Superbonus (70%) e Ecobonus (65%). A prescindere dal bonus utilizzato, tutti i proprietari, gli usufruttuari, i locatari, i nudi proprietari, i comodatari possono fare richiesta della detrazione. 

Gli affittuari e i comodatari, al termine del contratto d'affitto o di comodato d'uso, mantengono comunque il diritto di detrarre le spese. Per quanto riguarda proprietari che vendano il proprio immobile prima di aver detratto completamente i condizionatori, possono accordarsi con l'acquirente e riportare sul rogito se cedere o detrarre le cifre restanti. Il discorso non vale nel caso del bonus mobili: in questo caso la detrazione segue sempre chi ha sostenuto la spesa.

Bonus ristrutturazione e detrazione condizionatori al 50%

In caso di ristrutturazione di un edificio è possibile chiedere il bonus fiscale per l'acquisto di condizionatori a pompa di calore che assicurino un risparmio energetico. In questo caso si avrà diritto ad una detrazione del 50% della spesa sostenuta. Per ottenere il vantaggio, è necessario che a seguito dell'installazione, venga rilasciato l'attestato di conformità e il libretto d'impianto. La detrazione Irpef sarà ripartita in dieci anni consecutivi.

Bonus mobili e detrazione condizionatori al 50%

Un altro modo per beneficiare della detrazione delle spese dei condizionatori è il Bonus mobili. Si tratta di un'agevolazione - anche in questo caso del 50% - sull'acquisto di climatizzatori legato all'acquisto di mobili. Il limite è di 5mila euro, oltrepassata questa cifra, sono previste alcune condizioni per beneficiare del Bonus. La detrazione al 50% viene riconosciuta sono se si installa un climatizzatore di classe energetica superiore.

Ecobonus e condizionatori al 65%

Terza opzione è l'Ecobonus che dà diritto ad una detrazione Irpef del 65%. Per beneficiarne, però, è necessaria la sostituzione della caldaia a gas con un climatizzatore con pompa di calore abilitato sia al raffreddamento sia al riscaldamento e, quest'ultimo, deve essere di classe energetica A+++. E' requisito fondamentale avere una scheda informativa che attesti tutti gli interventi realizzati. L'importo massimo di spesa detraibile è 46.154 euro. Anche in questo caso la detrazione Irpef è ripartira nei 10 anni consecutivi.

Superbonus e condizionatori al 70%

Quarta e ultima possibilità e detrarre il 70% dei condizionatori grazie al Superbonus. L'agevolazione riguarda chi vive in condominio e acquista climatizzatori legandoli ai lavori trainanti del Superbonus appunto. Ovviamente l'installazione dell'impianto deve garantire un salto di due classi energetiche certificate con l'Ape.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus condizionatori 2024, cos'è e a chi spetta
ViterboToday è in caricamento