rotate-mobile
Lavoro

Come scrivere un curriculum perfetto per trovare lavoro: i consigli

Il formato da usare, la foto da scegliere, gli errori più comuni da evitare: tutto su come scrivere il CV efficace

Se si è alla ricerca di un impiego di fondamentale importanza è preparare un buon curriculum vitae. Esso infatti è il biglietto da visita per le aziende, attività o enti presso cui facciamo domanda. In quanti, già all'idea di doverne creare uno da zero o di doverci mettere le mani, si sono disperati? Ecco qualche consiglio per redigere un curriculum chiaro.

Personalizzare il Cv

Un buon CV (curriculum vitae) deve soddisfare le esigenze dell'organizzazione a cui si rivolge. Meglio quindi cercare di immedesimarsi nei panni di chi lo leggerà per cercare di fargli capire che potremmo essere la persona adatta alle sue esigenze.

Dal momento che il curriculum dev'essere una risposta a una esigenza espressa da una organizzazione che sta cercando personale, esso deve evidenziare le esperienze pertinenti e i risultati ottenuti dal candidato, sottolineando il valore che potrebbero avere in relazione al lavoro per il quale si sta facendo domanda. Il CV va infatti personalizzato ogni volta: non possiamo pensare di inviare le stesse informazioni, presentandoci allo stesso modo a una struttura alberghiera che ha bisogno di un facchino e a una fabbrica che cerca operai specializzati. Meglio riportare i dettagli pertinenti a seconda del caso, dunque: un buon CV deve fornire a chi lo legge un motivo evidente per prendere in considerazione il candidato in relazione al ruolo per il quale si sta proponendo.

Quanto detto non si applica invece quando si presenta il Curriculum presso un'agenzia di lavoro interinale o in un centro per l'impiego.

Come scrivere il Curriculum Vitae

Il Curriculum Vitae che sottoponi all'attenzione di un potenziale datore di lavoro sarà probabilmente la prima cosa che vedrà e leggerà di te. Per questo motivo, dovrà presentarsi bene ed essere di facile consultazione.

Ecco alcuni consigli pratici riguardo al contenuto del tuo CV

  • Evita di superare le due pagine di CV, se possibile: a volte un CV composto di una pagina sola può essere già sufficiente
  • Inserisci all'inizio i dati personali e i riferimenti per contattarti
  • Sempre all'inizio, menziona il possesso degli eventuali requisiti richiesti (solo se necessari), come patenti di guida o conoscenza di lingue straniere (in questo caso, indicare anche il livello relativamente a comprensione ed espressione, scritta ed orale)
  • Elenca i punti salienti della tua esperienza professionale, iniziando dall'occupazione attuale o comunque da quella più recente; prosegui a ritroso nel passato.
  • Nell'elencare le esperienze professionali, indica sempre la data, la sede di lavoro ed il ruolo da te ricoperto, descrivi l'azienda nel caso in cui non fosse molto conosciuta.
  • Esponi i risultati conseguiti con frasi brevi ed incisive: descrivi il tuo ruolo, illustra le scelte compiute e commentane i risultati.
  • Indica soltanto i punti salienti del tuo percorso di studi: data, titoli conseguiti ed istituti frequentati. Aggiungi il voto solo se è particolarmente brillante; allo stesso modo menziona la tesi solo se è pertinente
  • Se i tuoi studi sono ancora in corso, come nel caso dei neolaureati che frequentano un Master, indica anche questo dato, in cima al percorso di studi
  • Se alcune informazioni servissero a dimostrare in modo efficace la tua attitudine al ruolo per il quale ti proponi, menzionale nella metà superiore della prima pagina o comunque in una posizione prioritaria
  • Includi i dettagli sui corsi di formazione o qualificazione professionale che hai seguito e che potrebbero risultare rilevanti. Non dimenticare la data e gli estremi dell'organizzazione (interna o esterna)
  • Indica anche l'eventuale appartenenza ad un ordine professionale, e i titoli importanti che hai conseguito.
  • Alla fine, fai sempre un controllo ortografico e tipografico, e non fidarti ciecamente del controllo ortografico del computer.

Indicare referenze nel CV

Se nel paragrafo dedicato alle esperienze professionali pregresse desideri indicare delle referenze, assicurati di contattare prima i diretti interessati per accertarti della loro disponibilità.

Spiega loro la natura del ruolo per il quale presenti domanda ai tuoi contatti, e descrivi le caratteristiche che interessano al tuo potenziale datore di lavoro.

In genere, nel CV si omette l'identità del referenziante. Alcuni datori di lavoro chiederanno questa informazione prima del colloquio: in tal caso, potrai fornire i nominativi e dettagli di contatto in una lettera a parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come scrivere un curriculum perfetto per trovare lavoro: i consigli

ViterboToday è in caricamento