Lavoro

Cos'è la 104, a chi spetta e come richiederla. La guida

Una guida semplice per comprendere meglio la Legge 104 e come richiedere le agevolazioni previste dalla normativa. Tutte le info utili

Diritti, integrazione sociale e assistenza delle persone con disabilità. Sono questi i punti principali su cui fonda la Legge n. 104/1992. Una normativa che coinvolge non solo le persone diversamente abili ma anche coloro che se ne prendono cura. Vediamo cos’è, quali sono le principali agevolazioni e come fare la richiesta all’Inps.

Inps: sedi e indirizzi degli uffici a Viterbo

Le agevolazioni

Conosciuta anche come "Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate", la normativa prevede sia agevolazioni fiscali che lavorative. Questo al fine di consentire ai caregiver, ai familiari e alla persona con handicap, di contare su sostegno e integrazione sociale.

  • Agevolazioni sul lavoro: i lavoratori dipendenti con disabilità riconosciuta possono usufruire di tre giorni di permesso retribuito ogni mese; lo stesso diritto spetta ai genitori, parenti e affini conviventi della persona disabile entro il terzo grado di parentela (caregiver); 
  • Agevolazioni fiscali: vanno dall’esenzione bollo alla possibilità di considerare le spese mediche come oneri deducibili anziché come detrazioni.

A chi spetta la 104

I primi beneficiari sono i disabili ovvero coloro “che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”, e che richiede “un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione”. Su questa base divengono beneficiari anche coloro che si prendono cura della persona con disabilità il quali, a loro volta, possono usufruire di permessi speciali in qualità di caregiver.

I permessi retribuiti non sono applicabili a: domestici e familiari; lavoratori a domicilio; autonomi o parasubordinati; lavoratori agricoli occupati a giornata.

Per poter accedere alla 104 è necessario che l'handicap o l'invalidità siano riconosciute da un'apposita commissione medica tenuta a pronunciarsi sulla sussistenza e sulla gravità delle menomazioni entro 90 giorni dalla presentazione della domanda.

Permessi retribuiti: chi può beneficiarne

Questi possono essere richiesti non soltanto dalle persone con disabilità, ma anche da chi gli presta assistenza, a condizione che si tratti di un familiare entro il terzo grado di parentela. 

Possono richiedere i permessi ex Legge 104/1992:

  • i disabili in situazione di gravità;
  • genitori di figli disabili gravi, anche se adottivi o affidatari;
  • i coniugi, le parti di unione civile e i conviventi di fatto del disabile in situazione di gravità;
  • i parenti o affini entro il secondo grado, che può essere esteso al terzo grado di parentela solo nel caso in cui il genitore o il coniuge della persona con disabilità abbiano superato i 65 anni, oppure in caso di mancanza o decesso degli stessi.

Come presentare domanda all'Inps

Il primo step è quello di rivolgersi al proprio medico curante il quale produrrà un certificato volto ad attestare la natura delle infermità da inviare all’Inps. Successivamente il richiedente deve procedere a inoltrare la domanda di accertamento all'Inps attraverso: il portale facendo accesso all’Area Riservata con spi, carta di identità elettronica e cns; oppure tramite il Contact Center dell’INPS, chiamando numero gratuito 803164 da rete fissa oppure lo 06164164 da cellulare. Nei successivi 30 giorni la persona viene convocata presso la Commissione medica della Asl tenuta a certificare l'eventuale stato di disabilità. Successivamente, se il giudizio della Commissione dà diritto all’erogazione di misure economiche, la pratica va perfezionata inserendo i dati richiesti, sempre tramite l’Area Riservata del portale dell’Inps.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è la 104, a chi spetta e come richiederla. La guida
ViterboToday è in caricamento