rotate-mobile
ASFALTI & LIBRI

Un ponte tra Vulci e Canino, riapertura della Litoranea e una pioggia di milioni per le scuole della Tuscia

Dalla riapertura di alcune strade all’ammodernamento degli istituti scolastici: tutto quello che c’è da sapere sugli investimenti di Palazzo Gentili

Via libera dal Consiglio provinciale al bilancio dell’ente guidato da Alessandro Romoli. Il documento, ieri, è passato con 8 voti favorevoli e 5 astensioni dall’opposizione. Per l’annualità 2024, il presidente e la maggioranza targata Forza Italia-Partito Democratico hanno deciso di puntare tutte le fiches su due temi principali: strade e scuole, mettendo sul piatto diversi interventi di interesse pubblico.

Per le strade, la Provincia ha stanziato 6 milioni di euro. Una somma corposa con la quale saranno finanziate opere strategiche importanti per il territorio: riapertura dell’arteria che collega Civita Castellana a Castel Sant’Elia, completamento del ponte tra Vulci e Canino, manutenzioni ed asfaltature. Ieri, peraltro, è stata data da Romoli stesso la notizia che il ponte sulla Litoranea, finalmente, è pronto ad essere riaperto. 

Capitolo scuole. Da Palazzo Gentili arrivano una serie di manutenzioni attese da anni: retrofitting su tetti, impianti e interventi straordinari nei licei. In più, nuove aule ad Orte e copertura dell’Itis di Viterbo, nuove palestre ad Acquapendente e Nepi, completamento di quella di Montalto e aggiustamenti anche all’Orioli. Inoltre, è previsto l’adeguamento antisismico del Savi e del Ruffini sempre nel capoluogo. Tutto questo grazie ai fondi del Pnrr. Con i proventi di bilancio, infine, saranno sistemati gli ascensori dell’Orioli e del Colasanti, oltre alle alberature di tutti gli istituti della Provincia. 

Il bilancio, comprensivo di questo pacchetto di opere, ritornerà in aula venerdì prossimo, quando sarà messo al vaglio dell’assemblea dei sindaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un ponte tra Vulci e Canino, riapertura della Litoranea e una pioggia di milioni per le scuole della Tuscia

ViterboToday è in caricamento