rotate-mobile
Politica

Pioggia di soldi nella Tuscia: in arrivo 400 milioni di euro, 17 sono per l'ospedale vecchio di Viterbo

Finanziamenti grazie all'accordo per sviluppo e coesione tra Governo e Regione Lazio. Milioni di euro anche per la Roma-Viterbo e l'acquisto di bus Cotral

Oltre un miliardo di euro dal Governo alla Regione Lazio per interventi sulla competitività delle imprese, l'energia, l'ambiente, la cultura e la riqualificazione urbana. Coinvolta anche la provincia di Viterbo, a cui sono destinati 400 milioni. Risorse che saranno investite fra infrastrutture ferroviarie e viarie, valorizzazione dei beni culturali, turismo, competitività delle imprese, interventi sul rischio dissesto idrogeologico e messa in sicurezza del territorio. Spiccano, in particolare, i 17 milioni per la riqualificazione dell'ospedale vecchio del capoluogo.

I finanziamenti a Viterbo

Ospedale vecchio

Quasi 510 milioni di euro andranno all'aumento della sicurezza infrastrutturale di linee e stazioni e della regolarità del servizio delle ferrovie ex concesse. Alla Roma-Viterbo per impianti di segnalamento e raddoppio della tratta Riano-Castelnuovo-Morlupo e alla Roma-Lido per impianti di segnalamento e un nuovo deposito. Quasi 54 milioni, invece, per l'acquisto di bus Cotral e Atac.

Sul fronte della cultura, 17 milioni di euro per la riqualificazione dell'antico ospedale grande degli infermi nel capoluogo della Tuscia.

I principali finanziamenti nel Lazio

I soldi (1 miliardo 212 milioni 989mila 604,10 euro per la precisione) arrivano con la firma dell'accordo per lo sviluppo e la coesione tra il Governo e la Regione Lazio che finanzia le opere attraverso il Fondo sviluppo e coesione 2021-2027. 

Più di metà dei fondi andrà sui trasporti e la mobilità: 100 milioni di euro alla bretella Cisterna-Valmontone, altrettanti per interventi sulla rete viaria nazionale (55,2 milioni) e regionale (44,3 milioni), 15 milioni per la ciclabile Ostia-Colosseo.

205,6 milioni di euro saranno destinati al cofinanziamento Pr Fesr Lazio 2021-27. 70,2 milioni per ambiente e risorse naturali. 60,7 milioni alla competitivà delle imprese. 45,2 milioni alla cultura. 29,7 alla riqualificazione urbana. 19 milioni all'energia e quasi 2,6 milioni ad altri interventi. 

E ancora 68,2 milioni di euro per interventi di contrasto al dissesto idrogeologico. Sul fronte della cultura 25 milioni per la riqualificazione di palazzo Silvestri Vivaldi a Roma, di fronte al Colosseo, e 14 milioni per la valorizzazione di beni culturali. Ma anche per il sostegno allo sviluppo locale nei settori agricolo e ricettività turistica, nell'ambito della Strategia nazionale aree interne. 

Diciannove milioni di euro saranno destinati alla riqualificazione e messa in sicurezza della sede della giunta regionale e 10 milioni per il Centro agroalimentare all'ingrosso di Fondi, il Mof. La Capitale potrà beneficiare di 29,6 milioni per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria. 

Infine, 45,4 milioni di euro permetteranno la realizzazione di 39 interventi (opere di urbanizzazione, viabilità, impianti di depurazione, videosorveglianza) per aumentare la capacità competitiva delle aree industriali del Lazio. Nell'ambito di questo accordo la Regione attiverà un apposito sistema di gestione e controllo. Invece, per quello informativo di gestione e monitoraggio dei po Fse e Fesr del Lazio saranno impiegati 1,185 milioni tra quelli trasferiti dal Governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioggia di soldi nella Tuscia: in arrivo 400 milioni di euro, 17 sono per l'ospedale vecchio di Viterbo

ViterboToday è in caricamento