rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
DA PALAZZO

Frontini assediata, ora teme i franchi tiratori

Promesse non mantenute, proposte inascoltate, iniziative lasciate nel cassetto: i consiglieri pretendono maggior attenzione da parte della giunta

Il malcontento che filtra da palazzo dei Priori è quello che si respira solo nelle situazioni di crisi. I consiglieri di maggioranza, in particolare quelli di Viterbo2020, capitanati dal capogruppo Giancarlo Martinengo, cominciano ad avanzare alla giunta Frontini la pretesa di essere maggiormente ascoltati. Tra promesse non mantenute, proposte inascoltate e iniziative presentate in pompa magna ma ferme al palo, la delusione serpeggia all’interno di una squadra che, in meno di due mesi, ha perso due esponenti di spicco come Letizia Chiatti e Marco Bruzziches. Come se non bastasse, ad appesantire il clima ci sono le notizie sul fronte del Bruzziches-gate e sulle altre questioni approdate sulle scrivanie dei pm di via Falcone e Borsellino.

A dare sfogo ai primi schizzi d’insoddisfazione, del resto, sono stati proprio Chiatti e Bruzziches. La prima lo aveva spiegato chiaramente nel giorno del suo passaggio all'opposizione: "Il rilancio del centro storico, che non può prescindere dal ripopolamento, lo stop ai centri commerciali, la gestione dei rifiuti, lo stop ai contributi a pioggia, quello al consumo dei suoli. Nessuna parola su cosa fare e come farlo in relazione a questi temi, è chiaro che siamo in una direzione contraria rispetto a quella di partenza". Dello stesso tenore Bruzziches, che ha rivelato sempre in sala d'Ercole: "Fin dall'inizio del mandato ho cercato in ogni modo di contribuire alla valorizzazione del vasto e ricco patrimonio immobiliare, stimolando un'attesa azione di recupero della cosa pubblica. A ogni mio interessamento non ha fatto però seguito alcuna attività amministrativa. Questo immobilismo ha provocato in me un profondo senso d'inconcludenza, comunicato più volte all'assessore e alla sindaca. Ogni volta mi è stato risposto che la priorità e precedenza su tutto l'aveva il Pnrr". Motivi diversi, ma stessa matrice: il sindaco non li ascolta e i consiglieri se ne vanno. Uno scenario che potrebbe presto ripetersi.

Chiatti e Bruzziches non sono difatti gli unici scontenti della gestione frontiniana. E, sebbene i consiglieri di Viterbo2020 si guardino bene dal parlare alla stampa, evitando interviste o semplici domande, le voci provenienti dal corridoio-ponte di via Ascenzi si fanno sempre più insistenti. I fari, ancora una volta, sono puntati su Luigi Gioiosi, amico stretto di Letizia Chiatti e firmatario assieme all'ex presidente del consiglio comunale del regolamento per disciplinare la celebrazione dei matrimoni civili e delle unioni civili fuori dell'ufficio di stato in piazza Fontana Grande. Proposta decollata con grandissima fatica. Non è ancora decollata, e quasi sicuramente non lo farà entro la fine dell'anno, l'altra iniziativa targata Gioiosi, quella sui consigli dei territori. Ci aveva puntato molto durante la campagna elettorale per convincere i suoi concittadini della frazione di Grotte Santo Stefano che l'amministrazione di cui avrebbe fatto parte non sarebbe stata sorda di fronte alle loro richieste. Ma così non è stato e adesso, se l'immobilismo dovesse proseguire, Gioiosi potrebbe anche decidere di emulare quanto fatto dall'amica Chiatti e da Marco Bruzziches. 

In queste settimane Frontini, conscia di avere un reale problema politico visto che i numeri della sua maggioranza non sono più solidissimi, ha cercato di ricucire alcuni degli strappi. La prima cittadina ha tentato di rasserenare gli animi, andando a rimettere mano ad alcune questioni portate avanti da altri consiglieri. Di proposte smarrite nei meandri di palazzo dei Priori ce ne sono ancora molte, come lo skate park avanzato da Federico Tonnicchi, che potrebbe presto vedere la luce a pratogiardino. Ma ci sono pure tematiche più complesse, come le partecipate, soprattutto Francigena. Su questo punto, una squadra di consiglieri sarebbe pronta a puntare i piedi per una maggiore attenzione da parte della giunta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frontini assediata, ora teme i franchi tiratori

ViterboToday è in caricamento