rotate-mobile
POLITICA

La polemica tra sindaca e FdI si allarga. Sabatini: "Finta civica", Frontini: "Solo chiacchiere e propaganda"

La querelle passa dalla discarica di Monterazzano a questioni politiche, toccando anche la cena della prima cittadina con Iv di Matteo Renzi. Anche Ciambella contro Frontini: "Cerca di distogliere l'attenzione dai disastri della sua amministrazione". Il Pd attacca Rocca sui rifiuti

Continua la polemica tra la sindaca Chiara Frontini e la Regione-FdI sull'ampliamento della discarica Le Fornaci di Monterazzano. Nell'annunciare un nuovo ricorso al Tar, la prima cittadina di Viterbo aveva attaccato sia la Pisana che il partito in questi termini: "L'incremento è dalla giunta regionale a trazione Fratelli d'Italia, non possono continuare a considerare Viterbo la discarica di Roma". A replicare a Frontini era già stato l'assessore regionale al Ciclo dei rifiuti, Fabrizio Ghera, sottolineando che la Regione "non considera Viterbo la pattumiera del Lazio".

Sabatini: "Attacco strumentale e immotivato"

Oggi, invece, a scendere in campo sul tema è il capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale, Daniele Sabatini. "Finalmente - afferma il consigliere regionale - la sindaca Frontini ha gettato la maschera del finto civismo. L'attacco contro la Regione Lazio e FdI sulla discarica non appare soltanto strumentale ma del tutto immotivato, in virtù dello straordinario lavoro realizzato dalla giunta Rocca in materia di rifiuti in questi quattordici mesi. Non soltanto è stato scongiurato il raddoppio dell'invaso di Monterazzano, inizialmente previsto, ma sono al vaglio della Regione provvedimenti relativi all'autorizzazione di nuove discariche in ogni provincia per garantire definitivamente l'autosufficienza a ogni territorio del Lazio. Anche la nuova procedura delle strutture di Roma capitale per portare fuori regione e all'estero i propri rifiuti è un altro segnale chiaro e inequivocabile. Quindi, oltre alla manifesta incapacità politica e amministrativa fin qui dimostrata da Frontini, appare adesso chiaramente evidente anche la sua collocazione nell'area del centrosinistra, come la recente partecipazione a eventi elettorali insieme a esponenti del partito di Matteo Renzi tristemente dimostra".

Frontini a cena con Iv

Come raccontato da ViterboToday, Frontini ha partecipato all'incontro elettorale, in vista delle europee, della candidata di Italia viva Marietta Tidei, attuale consigliera regionale del partito renziano, fermandosi a cena con Maria Elena Boschi, dominus di Iv.

Frontini: "Sabatini pensi al bene della Tuscia"

La replica della sindaca di Viterbo al consigliere regionale Sabatini non si è fatta attendere. "Buttarla in politica, mischiando le carte, è l'ovvia dimostrazione delle nostre ragioni e del nervosismo che serpeggia tra chi sa di essere, di certo stavolta, dalla parte del torto. L'ampliamento della discarica voluta dalla Regione Lazio a trazione di Fratelli d'Italia è un fatto. Al netto delle chiacchiere e della propaganda, con il parere dell'area rifiuti prima, del 20 giugno 2023, e con le due determinazioni regionali del 9 aprile 2024 e del 18 marzo 2024 poi, la Regione ha condannato Viterbo a continuare a essere ancora, chissà per quanto, l'unica discarica a servizio di tutta la Regione Lazio".

Frontini rivendica che "il Comune di Viterbo si è opposto fermamente facendo ricorso al parere dell'area rifiuti, che autorizzava a patto che la discarica accogliesse i rifiuti anche dalle altre province. Successivamente, si è opposto dando parere contrario alla conferenza dei servizi e facendo ancora un altro ricorso alle due determine regionali, proprio per evitare di continuare a ricevere i rifiuti da Roma. La Tuscia ha già dato, ora basta".

"Buttarla in politica - ribatte Frontini affrontando anche il tema della cena di Iv -, sostenendo la non autenticità del nostro civismo, è una vecchia strategia che si attua quando non si hanno argomenti. Ricordo a Sabatini, all'amico Daniele, che è un dovere, e in alcuni casi anche un piacere, per il primo cittadino partecipare agli eventi politici se invitata. Esattamente come ho partecipato, con piacere, al congresso di Fratelli d'Italia lo scorso novembre".

Infine l'affondo. "Invitiamo Sabatini, l'amico Daniele, a pensare al bene di Viterbo e della Tuscia, facendo sì - conclude Frontini - che l'amministrazione regionale metta nero su bianco negli atti che l'ampliamento della discarica sarà al solo servizio della provincia di Viterbo, territorio virtuoso che chiude il proprio ciclo dei rifiuti nella provincia stessa, invece di difendere in maniera scomposta una posizione che, attualmente, va contro gli interessi della nostra provincia e della sua tutela ambientale ed economica".

Pd: "Con Rocca Viterbo diventata capitale dei rifiuti"

Anche per il gruppo consiliare del Partito democratico al Comune di Viterbo - ossia Alvaro Ricci, Alessandra Troncarelli, Lina Delle Monache e Francesca Sanna - "con Rocca Viterbo è diventata la capitale dei rifiuti".

"Con l'approvazione da parte dell'amministrazione Rocca dell'ampliamento della discarica di Monterazzano il dado è tratto: Viterbo è la capitale dei rifiuti del Lazio - tuona il Pd -. Le responsabilità politiche di questa decisione sono della maggioranza regionale di centrodestra che non si può più nascondere dietro a tecnicismi o pareri tecnici che nulla hanno a che vedere, nel caso in questione, con la politica".

La questione dei rifiuti nel Lazio è decennale, ma per il Pd c'è differenza tra il prima e il dopo Rocca. "L'amministrazione Zingaretti ha gestito la drammatica questione dei rifiuti in situazioni innegabilmente emergenziali con ordinanze contingibili e urgenti limitate nel tempo e nelle quantità causate dalla chiusura di impianti e discariche sulla base di sentenze emanate dalle competenti autorità giudiziarie o per cause accidentali che hanno messo fuori uso impianti di trattamento dei rifiuti. Proprio per uscire da questa situazione di emergenza, l'amministrazione Zingaretti ha approvato nel 2020 il Piano regionale di gestione dei rifiuti della Regione Lazio che prevedeva, e prevede tutt'oggi, che ogni provincia, compresa l'area metropolitana di Roma, debba garantire l'autosufficienza degli impianti di smaltimento dei rifiuti e chiudere il ciclo nel proprio territorio di competenza, concedendo a tal fine 36 mesi per adeguarsi. Di fatto, escludendo così qualsiasi tipo di discarica regionale a Viterbo e nelle altre province. 

Rocca e la sua maggioranza, con ben due consiglieri regionali del territorio viterbese, hanno reso ordinaria e strutturale una situazione emergenziale con la conseguenza che Monterazzano è l'unica discarica attiva sul territorio regionale. La destra viterbese affermava che Zingaretti mandava i rifiuti a Viterbo ma ad oggi Zingaretti non c'è più e Rocca non solo manda i rifiuti con volumi costanti e crescenti ma ha battezzato la discarica di Monterazzano come unica regionale in maniera tombale. E pensare che oggi si legge sui manifesti: "La Tuscia in Europa" (il riferimento è alla campagna elettorale per le europee della candidata di FdI Antonella Sberna, ndr). Sarebbe bene iniziare a salvaguardarla proprio in Regione".

Ciambella: "Frontini offende l'intelligenza dei viterbesi"

Attacco alla sindaca anche dalla consigliera comunale Luisa Ciambella, presidente di Per il bene comune di Viterbo e responsabile organizzativa del movimento civico Rocca presidente. "Il tentativo della sindaca Frontini di accendere i riflettori su un argomento importantissimo come i rifiuti, di cui conosce bene la genesi, le responsabilità pregresse tutte in capo alla giunta Zingaretti e le difficoltà di soluzione, sono il tentativo scomposto di chi, facendo solo finta di dimenticarsi della realtà, cerca di distogliere l'attenzione dei viterbesi dai disastri che la sua amministrazione sta compiendo.

Quando chiedevamo rispetto per il nostro territorio in merito alla discarica, al proliferare selvaggio di eolico e fotovoltaico, a tutte le forme di depredazione e violenza che subiva e ancora subisce la nostra provincia (non ultimi i pozzi geotermici di Caprarola, iter complesso avviato nella scorsa legislatura) eravamo soli o quasi. Non c'era traccia dei benpensanti di oggi, della sindaca Frontini, dei paladini degli interessi personali che hanno iniziato a distribuire ricorsi come fossero caramelle solo per pulirsi la coscienza dei loro condizionati silenzi.

Abbiamo sposato il progetto del presidente Rocca proprio per questo: per la sua determinazione a chiudere quella disastrosa stagione di soprusi e stare dalla parte dei cittadini e della salvaguardia del territorio. E sinceramente non ci saremmo aspettati da un sindaco certe considerazioni che, oltre a ledere la sua immagine, tendono a offendere anche l'intelligenza dei viterbesi. L'impegno di Rocca di cambiare il Piano regionale dei rifiuti è passato dall'abrogazione della legge sugli Egato che Zingaretti e i suoi avevano confezionato per fare regali agli amici degli amici. Il lavoro che l'assessore Ghera sta portando avanti insieme al presidente Rocca è un lavoro serio, puntuale, concreto. Per smontare un sistema "malato" occorre tempo e la responsabilità di prendere decisioni importanti, rispetto a chi preferiva la politica delle passerelle e facili promesse.

Il lavoro di revisione del sistema della gestione dei rifiuti regionale oggi è nella fase dell'individuazione dei siti idonei, un passaggio delicato e portato avanti con scrupolosa attenzione che, paradossalmente, trova come contraltare l'esito di vicende giudiziarie aperte negli anni scorsi e che proprio nelle ultime settimane sono giunte a una prima conclusione. Mi preme, infine, ricordare al sindaco Frontini che in appena un anno di insediamento della giunta Rocca oggi - che finalmente anche lei e la sua squadra hanno capito la complessità dell'amministrazione pubblica - molto è stato fatto e altrettanto si farà per risolvere ciò che i dieci anni di giunta Zingaretti hanno prodotto in termini di danni per questa provincia". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polemica tra sindaca e FdI si allarga. Sabatini: "Finta civica", Frontini: "Solo chiacchiere e propaganda"

ViterboToday è in caricamento