rotate-mobile
ELEZIONI UNIVERSITÀ AGRARIA / Tarquinia

La politica a sostegno della lista Agraria tricolore, Righini: "Riglietti può fare dell'università il fiore all'occhiello di Tarquinia"

Zacchini: "Ricchezza, occupazione giovanile e non clientelismo tra gli obiettivi che l'Università agraria dovrebbe avere"

Proseguono a Tarquinia le attività di campagna elettorale per l'elezione del nuovo presidente dell'Università agraria. Questa volta è Giancarlo Righini, assessore al Bilancio e all'agricoltura della Regione Lazio a intervenire a sostegno del candidato Alberto Riglietti e della lista Agraria Tricolore

“Con Alberto Riglietti presidente, l’Università agraria sarà il fiore all’occhiello di Tarquinia” ha detto Righini nel corso di un evento organizzato ieri pomeriggio, mercoledì 10 aprile, presso la sala conferenze della Cooperativa Pantano. 

“L’agricoltura - ha dichiarato Righini - sta finalmente tornando a svolgere il ruolo che le compete, quello di motore trainante dell’economia nazionale e regionale. Con il ministro Lollobrigida stiamo facendo un lavoro straordinario, ridiscutendo decisioni incomprensibili prese nel tempo e stiamo ridando dignità al lavoro degli agricoltori, dei pescatori, dei cacciatori e di tutto ciò che appartiene alla sfera della ruralità. Le Università Agrarie sono un fardello pesante che grava sulle spalle dei cittadini, ma con Alberto Riglietti e i candidati di Agraria Tricolore si aprirà una nuova stagione, quella della volontà e del buongoverno. Alberto saprà interpretare al meglio questo ruolo decisivo, che serva anche a restituire serenità agli amministratori della città e fiducia ai cittadini, che potranno vedere realizzati una serie di interventi importanti a sostegno dell’economia di questa città. Ci occuperemo di proteggere gli investimenti degli imprenditori, sia quelli di lungo corso che quelli giovani, per sostenerli affinché possano avere un futuro dignitoso. L’assessorato all’Agricoltura è pronto ad affrontare con concretezza i temi dell’agricoltura, ponendosi in ascolto della nuova amministrazione dell’Università Agraria. Siamo fieri di contribuire alla rinascita di questo ente, di cui Riglietti sarà una guida solida ed efficiente”. 

“Dopo l’ottimo risultato ottenuto alle elezioni regionali e in quelle provinciali, Fratelli d’Italia Tarquinia è stata premiata con la presidenza della commissione Agricoltura in Regione. Lì, grazie alla lungimiranza e alla competenza di Valentina Paterna, abbiamo raggiunto traguardi importanti, portando a casa provvedimenti che i cittadini laziali attendevano da anni. Ed abbiamo già dimostrato di saper amministrare con accortezza anche l’Università Agraria, che oggi versa in condizioni non rosee a causa di una gestione poco incline all’ascolto dei consiglieri e lontana dagli agricoltori e dai cittadini. I nostri consiglieri uscenti hanno già presentato diversi progetti per i giovani, purtroppo bocciati dal vecchio presidente che, forse, pensa che i giovani non debbano andare avanti. Abbiamo gestito gli orti e le quote, che sono il fulcro dell’amministrazione, in maniera egregia. Per questo, oggi, le istituzioni, dal Comune al Governo passando per la Regione, ci sono vicine: Agraria Tricolore è l’unica lista che rappresenta la competenza e, ne sono sicuro, i tarquiniesi lo terranno presente il 21 aprile”.  

La politica a sostegno della lista

Alla conferenza hanno partecipato anche l’Onorevole Mauro Rotelli, presidente della commissione Ambiente della Camera, i consiglieri regionali Daniele Sabatini e Giulio Zelli, il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi, il consigliere provinciale Stefano Zacchini e il coordinatore provinciale di FdI Massimo Giampieri. 

“Le produzioni enogastronomiche ed agricole, di cui Tarquinia è ricca - ha commentato Mauro Rotelli - possono essere parte di progetti anche turistici molto importanti. Il 19 di aprile chiuderemo questa campagna elettorale con la presenza di Arianna Meloni, a testimoniare quanto Fratelli d’Italia tenga a portare a casa la vittoria”.

“L’Università Agraria - ha proseguito Daniele Sabatini - non è solo un ente di cui provare un sentimento di vergogna per come è stata amministrata, ma deve essere un elemento di crescita e sviluppo dal punto di vista occupazionale, cosa non considerata in questi anni. La scelta in questa campagna elettorale è facile, bisogna decidere tra chi ha già dimostrato di saper amministrare il territorio e chi invece ha dimostrato di non saperlo fare. C’è una sola scelta possibile, quella di votare Agraria Tricolore, che con Alberto Riglietti alla presidenza saprà fare sicuramente la differenza”. 

“La candidatura di Riglietti - ha sottolineato Giulio Zelli - è solida e gode dell’appoggio di una filiera istituzionale che parte da Tarquinia e arriva a Roma. Come consigliere regionale saró a disposizione per affrontare tutte le problematiche che potrebbero scaturire dalla gestione dell’Agraria stessa. Le eccellenze vanno agevolate e incoraggiate, le nostre attività produttive meritano il massimo sforzo possibile affinché abbiano la giusta valorizzazione”. 

“Questo ente - ha aggiunto Alessandro Giulivi - deve cessare di essere un problema ed è il momento che torni a fare da punto di riferimento per i cittadini. Alberto Riglietti ed i candidati della lista che lo sostiene sono gli unici in grado di poter garantire un futuro stabile per l’Università, finora gestita in modo sbagliato”.   

“L’università Agraria - ha concluso Zacchini - non può essere un peso per la nostra città, ha tra le sue proprietà un campeggio e il cuore pulsante di Tarquinia. La promessa che il partito può fare è che tra 5 anni l’università sarà il fiore all’occhiello della città, produrrà ricchezza e occupazione giovanile, non clientelismo come quanto fatto finora".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La politica a sostegno della lista Agraria tricolore, Righini: "Riglietti può fare dell'università il fiore all'occhiello di Tarquinia"

ViterboToday è in caricamento