rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Politica

Montefiascone, il vino di Famiglia Cotarella negli Emirati arabi come eccellenza del Lazio

L'assessore all'agricoltura Giancarlo Righini: "Operazione strategica di internazionalizzazione per valorizzare l'enogastronomia regionale"

La Regione porta i vini laziali negli Emirati arabi uniti: uno è made in Tuscia. L'assessore all'agricoltura Giancarlo Righini, accompagnato dalla consigliera diplomatica della Regione Lazio, Silvia Chiave, ha preso parte agli eventi del progetto della missione della Regione negli Emirati arabi uniti, denominata "Destination wine to Eau", organizzata dall’Agenzia Lazio Innova in collaborazione con la Camera di commercio e con gli altri attori del sistema Italia che operano nel paese mediorientale.

Due gli appuntamenti in programma. Il primo si è svolto ieri sera ad Abu Dhabi in presenza dell’ambasciatore italiano Lorenzo Fanara. All’ultimo, questa mattina a Dubai, hanno partecipato il console generale a Dubai, Giuseppe Finocchiaro, e una folta delegazione di imprenditori laziali di stanza nella città.

Otto le cantine laziali che hanno avuto l'opportunitá di presentare ai buyer presenti i loro prodotti d'eccellenza: Famiglia Cotarella di Montefiascone, Marafisa di Roma, Cincinnato di Cori, Casale Vallechiesa di Frascati, Consoli vini di Olevano Romano, L'Avventura di Piglio, Emiliano Fini di Aprilia, Casale del Giglio delle Ferriere.

Il programma, ricco e dettagliato, ha combinato incontri professionali, eventi di networking, visite culturali e sessioni di degustazione, creando un ponte tra le tradizioni enogastronomiche del Lazio e le opportunità commerciali offerte dagli Eau.

"È la prima volta che la Regione Lazio organizza un evento dedicato al mondo del vino negli Emirati arabi uniti - spiega Righini -. Si tratta quindi di un'operazione strategica di internazionalizzazione finalizzata alla valorizzazione e promozione dell'enogastronomia del territorio laziale".

"Questa missione - continua Righini - non è stata solo una celebrazione del patrimonio vitivinicolo e gastronomico del Lazio, ma anche un passo decisivo verso il futuro, aprendo nuove strade per l'espansione internazionale e la valorizzazione del settore enogastronomico della Regione. Una presentazione agli Emirati che funziona è un banco di prova per aprirsi ai mercati di tutta la regione e del mondo. Solo qui, infatti, si ha l'opportunità di entrare in contatto con un ecosistema internazionale e rappresentativo dei mercati globali. Un hub fondamentale in particolare per l’Africa e per i mercati del mondo arabo".

"Le aziende vitivinicole - conclude Righini -, in tutti questi anni, hanno avuto un ruolo marginale durante il quale hanno pagato per un gap importante a causa dell'assenza delle Istituzioni. Il nostro obiettivo è quindi proprio quello di accompagnare il settore agricolo della regione lazio verso una trasformazione dei processi produttivi. A tal fine il prossimo Complemento di sviluppo rurale metterà a disposizione oltre 600 milioni di euro finalizzati in particolare all'agricoltura di precisione e a tutti quei progetti sull'innovazione e sostenibilità in modo da far rispondere al meglio il settore alle sfide future".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montefiascone, il vino di Famiglia Cotarella negli Emirati arabi come eccellenza del Lazio

ViterboToday è in caricamento