rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
LA BUONA SANITÀ DI CASA NOSTRA

La chirurgia flebologica di Acquapendente reparto d'eccellenza: oltre 200 interventi e liste d'attesa dimezzate in due anni

Il direttore di Chirugia vascolare Antonio Florido: "Obiettivo del 2024 è incrementare l'attività chirurgica del 30%"

Oltre 200 interventi in regime di day surgery, utilizzando la tecnica mininvasiva di termoablazione con radiofrequenza della vena grande safena, tecnica che non prevede incisioni chirurgiche inguinali, o peri malleolari, che garantisce tempi operatori ridotti e una convalescenza più rapida.

Sono i numeri, registrati all’ospedale di Acquapendente da ottobre 2021, dal servizio di Chirurgia flebologica endovascolare, attivato e gestito dall’equipe dell’unità operativa di Chirurgia vascolare dell’ospedale di Belcolle di Viterbo diretta da Antonio Florido.

“La Chirurgia flebologica endovascolare – spiega Florido – è un’attività chirurgica costante, messa in pratica con tecniche all’avanguardia dalla nostra struttura con l’obiettivo di trattare i pazienti affetti da varici degli arti inferiori con le migliori procedure in circolazione e sempre ai massimi livelli. Un traguardo importante reso possibile grazie alla grande professionalità e alla perfetta organizzazione di tutto il personale coinvolto, medico e paramedico, dell’ospedale di Acquapendente e di Belcolle, che ha permesso di dimezzare i tempi di lista di attesa per i pazienti affetti da varici”.

Alla riuscita del progetto concorre anche il servizio di programmazione dell'attività chirurgica (Puca), che coordina i ricoveri sfruttando le disponibilità delle sale operatorie.

"Sulla scorta dell’esperienza maturata fin qui – conclude Florido – nel 2024 ci siamo prefissati come obiettivo di incrementare l’attività chirurgica del 30%, potendo sfruttare, grazie alla disponibilità fornitaci dalla Asl, una seduta chirurgica in più al mese che consentirà un ulteriore accorciamento dei tempi di attesa per gli interventi flebologici. È nostra intenzione, inoltre, dopo averlo fatto presso l’ospedale di Tarquinia e alla Casa della salute di Soriano nel Cimino, istituire nel 2024 un ambulatorio di Chirurgia vascolare all’ospedale di Acquapendente, avvicinandoci in tal modo alle esigenze del territorio e favorendo la presa in carico dei pazienti, costretti altrimenti a lunghi spostamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La chirurgia flebologica di Acquapendente reparto d'eccellenza: oltre 200 interventi e liste d'attesa dimezzate in due anni

ViterboToday è in caricamento