rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Salute Centro Storico / Piazza della Rocca

In difesa della vita, i militari dell'Aves donano il sangue: "Diamo una speranza a chi soffre"

Questa mattina l'iniziativa organizzata in piazza della Rocca dall'Avis comunale

Avis e Aviazione dell'esercito hanno organizzato una donazione di sangue e plasma, questa mattina, in piazza della Rocca. L’attività è stata promossa dal presidente dell'Avis comunale di Viterbo, Luigi Ottavio Mechelli e, come sempre, ha incontrato il supporto dei baschi azzurri.

Donazione sangue Aves-3

In linea con i principi di generosità e altruismo propri dell’Esercito, i numerosi militari dell’Aves non hanno fatto mancare il loro sostegno alla popolazione viterbese, contribuendo concretamente alle necessità dei pazienti la cui salute dipende dalle trasfusioni.

Donazione sangue Aves-2

A suggello del legame che unisce queste due realtà, il presidente dell'Avis ha ringraziato tutti i baschi azzurri: “È con infinita gratitudine che mi rivolgo a tutti i baschi azzurri per il costante impegno, la generosità e la dedizione che hanno sempre profuso nel sostenere la nostra causa, nel servire la comunità e nel difendere la vita. Grazie alla vostra collaborazione riusciremo ancora una volta a offrire speranza a chi soffre. Il vostro contributo è un dono prezioso che non smette mai di rinnovarsi e noi ve ne siamo particolarmente grati".

Donazione sangue Aves-3

È quindi intervenuto il generale di divisione Andrea Di Stasio, comandante dell’Aves, che ha sottolineato l’importanza del donare: “Un gesto semplice che ha un impatto straordinario sulle vite di coloro che ne hanno bisogno. Un atto di amore e solidarietà, un dono che può cambiare il corso di una vita".

Il binomio Avis e Aves, che con il tempo ha rafforzato il suo rapporto in una condivisione d’intenti, rappresenta un connubio di altruismo e responsabilità verso la comunità e la vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In difesa della vita, i militari dell'Aves donano il sangue: "Diamo una speranza a chi soffre"

ViterboToday è in caricamento