rotate-mobile
PESCA SPORTIVA

In abiti e divise tradizionali sfilano per la città: a Viterbo i più forti lanciatori al mondo di Long casting

Cerimonia di apertura dei mondali della disciplina di lancio nella sala regia di palazzo dei Priori. L'assessore Aronne e la consigliera De Alexandris: "Viterbo è entusiasta di ospitarvi". Le gare al Cinelli a Vetralla

Vengono da tutta Italia ma anche dall'Argentina, dal Brasile, dal Cile, dalla Francia e dall'Uruguay. Sono i più forti lanciatori e lanciatrici al mondo di Long casting, la disciplina di lancio della Federazione internazionale di pesca sportiva in mare praticata su campi con fondo erboso. Domenica pomeriggio, 7 aprile, hanno sfilato in abiti tradizionali e divise ufficiali per le vie del centro storico di Viterbo. Quest'anno, infatti, è la Tuscia a ospitare i mondiali maschili e femminili: i primi arrivati alla 26esima edizione, mentre i secondi alla decima. Gli atleti si sfideranno sul campo federale del Cinelli a Vetralla.

Il corteo

Il corteo si è mosso da piazza della Repubblica ed è arrivato, attraversando il Corso e piazza delle Erbe, a palazzo dei Priori per la cerimonia di apertura dei due eventi che danno il via alla stagione agonistica internazionale 2024 della pesca sportiva in mare. Accompagnati dagli sbandieratori e musici del Pilastro, lanciatori e lanciatrici hanno sfilato divisi per nazioni sventolando le rispettive bandiere e colorando il centro storico.

La cerimonia di apertura

Durante la cerimonia di apertura a fare gli onori di casa sono stati l'assessore allo Sport Emanuele Aronne e la consigliera comunale delegata alla valorizzazione del patrimonio comunale Maria Rita De Alexandris. Entrambi hanno presentato Viterbo come una "città ricca di storia". Aronne, nel suo intervento in inglese, rivolgendosi alle delegazioni ha aggiunto: "Qui potete trovare uno dei più importanti quartieri medievali al mondo". Location della cerimonia la sala regia di palazzo dei Priori: "Uno dei nostri orgogli", ha affermato De Alexandris. La manifestazione è stata aperta da un video sulla Macchina di santa Rosa: "Il principale simbolo della città", ha spiegato la consigliera comunale. De Alexandris, ringraziando la Federazione "per aver scelto Viterbo" e augurando le "migliori prestazioni" agli atleti, non ha nascosto "l'entusiasmo e la felicità della città nell'ospitare i campionati".

Il presidente della commissione Long casting ha detto: "Viterbo, splendida città, e i suoi dintorni saranno il punto di ritrovo delle nazioni partecipanti. Questa manifestazione ha anche l'obiettivo di far conoscere al mondo le bellezze, l'enogastronomia e la grande ricchezza di storia che la provincia offre". 

GALLERY | Mondiali di Long casting: la cerimonia d'apertura

Gli italiani in gara

Le nazionali italiane, sia maschile che femminile, guidate dai Ct Paolo Paolicchi e Gianluca Esposito sono da anni ai vertici della disciplina. "Daranno il massimo per conquistare un titolo mondiale dal sapore speciale", assicura la Fipsas. La nazionale maschile è composta da due team con gli atleti Filippo Montepagano, Biagio Morra, Alessio Massa, Massimo Gargiulo, Michele Della Volpe, Angelo Ciacci, Matteo Monti e Alessio Baudoino. Quella femminile è formata da Veronica Visciglia, Gaia Morandin e Vincenza Lubrano. A supporto delle squadre azzurre lo staff tecnico composto da Massimiliano Giacich e Giacomo Arzà, il dirigente federale Stefano Sarti e le dipendenti federali Angela Martino e Alessia Vergati.

Il calendario

Lunedì 8 aprile gli uomini, con il lancio del piombo da 175 grammi, danno il via ai quattro giorni di competizione. Martedì 9 in gara sia uomini che donne, rispettivamente con il lancio da 150 e da 75 grammi. Mercoledì 10 per gli uomini lancio del piombo da 125 grammi e per le donne da 100. Giovedì 11 l'ultimo giorno di gara, con il lancio da 100 grammi nel mondiale maschile e da 125 in quello femminile. Venerdì 12 aprile, alle 18, la cerimonia di chiusura sempre a palazzo dei Priori ma nel cortile.

Cos'è il Long casting

Il Long casting è una disciplina praticata in molti paesi del mondo, Asia compresa. Si utilizza un campo di lancio generalmente a fondo erboso che garantisca la sicurezza. I lanci vengono effettuati da una pedana con canne dedicate e avvengono con diverse categorie di piombo. Il piombo, affinché il lancio sia valido, deve cadere e conficcarsi in un cono di 30 gradi. Si utilizza generalmente, ma non solo, il mulinello a tamburo rotante che soffre molto meno dell'effetto spin che affligge i mulinelli a bobina fissa. Le attuali misure di eccellenza superano i 230 metri fino alla soglia dei 280. La maggiore difficoltà legata alla disciplina è il reperimento di campi idonei. Uno di questi è al Cinelli a Vetralla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In abiti e divise tradizionali sfilano per la città: a Viterbo i più forti lanciatori al mondo di Long casting

ViterboToday è in caricamento