rotate-mobile
L’IMPRESA

Orgoglio viterbese in Thailandia: Andrea Ena vince il Fairtex Fight nel tempio delle arti marziali

Impresa del fighter viterbese nella terra del muay thai: vince il titolo con una mano rotta

Viterbo è pronta ad accogliere un altro campione del muay thai. Dopo i trionfi in campo internazionale di Sveva Melillo, combattente viterbese adottiva che ha trionfato ai World Games, stavolta è il turno di un gentleman. Andrea Ena, giovane del capoluogo, è riuscito a guadagnarsi in Thailandia la cintura del Fairtex Fight al Kalare Nightbazaar Boxing Stadium di Chang Mai, uno dei templi delle arti marziali. 

Il fighter viterbese ha battuto in un match tiratissimo il suo sfidante spagnolo, conquistando il titolo di fronte al pubblico thailandese. Quella di Ena è paragonabile ad una vera e propria impresa, avendo affrontato il match con una mano rotta. Un handicap che, sul ring, è passato decisamente in secondo piano per merito della sua preparazione, durata oltre quattro mesi e svolta proprio in Thailandia. Prima dell’incontro di Chang Mai, Ena ha è stato protagonista di altri due match al Rajadamner di Bangkok, altro luogo sacro del muay thai. 

Andrea Ena-3

A raccontare l’avventura di Andrea è Daniele Marinetti, suo maestro nonché fondatore della Viterbo Muay Thai Camp:  “Dopo 4 mesi di preparazione in Thailandia e 2 match durissimi a Bangkok, questa volta Andrea è volato a Chiang Mai chiamato dal Lanna Muay Thai Camp per disputare un match per il Titolo dello Stadio Fairtex contro un fighter spagnolo. Con determinazione e una mano rotta abbiamo preparato questo incontro con sacrificio e voglia di portare a casa la vittoria”. Marinetti prosegue: Il match è partito forte, con l'avversario che è rimasto pulito ma molto duro, con i gomiti che subito girano come si deve fare in un fight valevole per qualsiasi cinta. Ma dalla 3 il nostro Trifase (nome d’arte di Ena, ndr) alza il livello dei low kick e della pressione e si impone nettamente sia il 3 sia il 4 round, lavorando con intelligenza ma mantenendo una buonissima pressione sulle chiusure e nel dominio del ring. Con il 5 round in scioltezza, grazie a Mariusz Palmieri che mi fa da occhi orecchie e voce sotto ring, gestiamo il bottino a nostro favore e vinciamo in maniera unanime questo match e la cinta del Fairtex Chiang Mai Stadium che lo rappresenta”. La performance di Ena ha convinto sia gli spettatori che il suo stesso maestro, che gli fa i complimenti: “Sono estremamente soddisfatto del lavoro del nostro Nak Muay, soprattutto per aver prima di tutto combattuto con un stato di salute non proprio da match. È questa la differenza tra un fighter e un non-fighter”. 

Andrea Ena-4

Dopo l’impresa, adesso Andrea Ena tornerà in Italia per riprendere le energie e godersi lo strameritato successo. Ma non bisogna adagiarsi sugli allori perché, come annuncia Marinetti, c’è già un nuovo obiettivo alle porte: “Il 20 Aprile Andrea parteciperà al Fighting Spirit Muay Thai, dove saremo impegnati con un avversario ancora esperto e durissimo”. Trifase e il suo coach non hanno dubbi: Arriveremo pronti, ve lo assicuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orgoglio viterbese in Thailandia: Andrea Ena vince il Fairtex Fight nel tempio delle arti marziali

ViterboToday è in caricamento