rotate-mobile
PALLONE BUCATO / Palazzina / Via della Palazzina

Stadio Rocchi, mentre Faul e Comune "litigano" i lavori stanno per partire

Il Comune di Viterbo prosegue per la sua strada con i lavori di ristrutturazione dell'impianto di via della Palazzina: ristrutturazione affidata a Saggini

La telenovela dello stadio Rocchi prosegue e si aggiunge un nuovo capitolo. Dopo il “no” dell’amministrazione Frontini all’assegnazione dell’impianto alla Faul Cimini Viterbo si è letteralmente creato uno smottamento non solo sportivo ma anche politico. La sindaca sostiene che la società di Vignanello non abbia le carte in regola per poter beneficiare dello stadio, ma la dirigenza di quest’ultima ha invece fatto sapere di avere il Durc regolare e che le inadempienze di cui parla la prima cittadina riguarderebbero vecchie pendenze fiscali immediatamente sanate e rateizzate. In più, quelli della Fc, in un comunicato stampa, hanno più volte definito “illegittima” la procedura indetta dal Comune. “Ci riserviamo di confrontarci nelle sedi opportune – si legge nella nota - con chi ci ha accusato di essere evasori fiscali con la fedina penale sporca, al fine di preservare integrità e onorabilità della Fc Viterbo e del suo legale rappresentante”.

Sulla questione stadio la politica mantiene delle posizioni speculari: da una parte ci sono i frontiniani, dalla parte opposta c’è invece il centrodestra che attacca frontalmente e in maniera compatta la maggioranza criticando duramente la scelta di non assegnare il Rocchi alla Faul. Nel mezzo, poi, c’è il Partito democratico, che non ha ancora preso posizione pubblicamente e attende il consiglio comunale di oggi per farlo definitivamente. Il ruolo dei dem in questa storia potrebbe essere fondamentale per capire se davvero, come si vocifera a destra, ci sia stato un clamoroso avvicinamento tra Frontini e il Pd. 

Rendering nuovo stadio Enrico Rocchi-2

Tuttavia, c’è un iter che prosegue indipendentemente dal marasma. Il progetto per la ristrutturazione del Rocchi, finanziato con i soldi del Pnrr, deve infatti andare avanti ad ogni costo. Altrimenti il Comune perderebbe i soldi e ne scaturirebbero effetti devastanti per l’ente. Il 21 novembre scorso è stato approvato il verbale di gara con cui sono stati affidati i lavori alla ditta viterbese Saggini. Il costo complessivo dell’opera ammonta a 2,8 milioni di euro e l’azienda in questione, piuttosto conosciuta nel capoluogo e nel settore edilizio nazionale, ha presentato un’offerta a ribasso del 18,11%.  La tipologia dell’intervento prevede la possibilità di subappaltare fino al 50% dei lavori e, difatti, la Saggini ha fatto sapere di voler usufruire di questa facoltà. Pertanto, nei prossimi giorni, sarà resa nota la ditta subappaltatrice, la quale dovrà realizzare le strutture in acciaio, quelle in cemento armato (fondazioni e scavi), le balaustre, gli impianti idrico-sanitario, le cucine, le lavanderie, gli impianti elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi. Il costo della manodopera sarà pari a 241mila euro, mentre gli oneri di sicurezza toccheranno quota 26mila euro. 

Alla Saggini, invece, spetterà il compito di realizzare una tribuna coperta, denominata “Pratogiardino” al di sotto della quale verranno realizzati magazzini e servizi a uso dello stadio, riqualificare le curve nord e sud con aumento delle sedute attuali attraverso il prolungamento della struttura fino al bordo del campo e realizzare le coperture. Inoltre, è prevista la sostituzione della recinzione metallica del campo con una in materiale trasparente per permettere una visuale migliore a tutti gli spettatori e la realizzazione di un impianto fotovoltaico sopra le coperture della curva sud e della tribuna principale.

In attesa di capire, dunque, quale squadra giocherà al Rocchi, il Comune intende procedere fino in fondo con i lavori. Anche se il rischio è quello di costruire una cattedrale nel deserto. Resta da vedere soltanto come si evolverà la questione, con la possibilità che già stamani, in consiglio, dall’amministrazione arrivino le prime delucidazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio Rocchi, mentre Faul e Comune "litigano" i lavori stanno per partire

ViterboToday è in caricamento