rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024

Luca Abete a Viterbo, l'inviato di Striscia la notizia prof all'Unitus: "Il selfie è un linguaggio universale" | FOTO e VIDEO

Lezione evento agli studenti del corso di Culture digitali e social media dell'ateneo viterbese

"Il selfie è diventato un linguaggio universale, che non appartiene solo ai giovanissimi". Luca Abete, storico inviato di Striscia la notizia, prof per un giorno all'Università della Tuscia. Venerdì scorso la lezione evento “Il selfie prima del selfie, One photo one day: 13 anni di autoscatti quotidiani di Luca Abete”.

L’incontro, organizzato dal corso di Culture digitali e social media dell’ateneo viterbese, è stato moderato dal professor Michele Zizza con l’intervento di Giovanni Fiorentino, direttore del Dipartimento di scienze umanistiche, della comunicazione e del turismo nonché presidente della Società italiana di studi di fotografia, e ha visto la partecipazione degli studenti universitari.

Il seminario è stata l'occasione per approfondire la nascita e l'evoluzione dei linguaggi del selfie in ambito comunicativo, sociale e mediatico. Con la presenza di Abete, considerato uno dei precursori di questa tecnica di comunicazione fotografica, ideatore del progetto di autoscatto One photo one day. Un longevo format che lo vede raccontare la propria vita, con la pubblicazione di un selfie quotidiano, senza interruzioni, dal primo dicembre 2010.

GALLERY | Luca Abete di Striscia la notizia all'Unitus

"Catturare istanti e non perderli era la mia ossessione - commenta Abete -. L’arrivo delle prime fotocamere digitali mi ispirò nel 2010 questo format che ho pensato di sperimentare solo per un anno. Poi ci ho preso gusto e non mi sono fermato più. Al tempo il termine selfie non esisteva, non c’erano gli smartphone con fotocamera interna, pubblicare foto non era facile come oggi e non era neanche un’abitudine così diffusa. One Photo One Day ha attraversato gli anni e tanti cambiamenti, tecnologici, ma anche sociali. Il selfie, prima demonizzato, poi sdoganato è diventato poi un linguaggio universale che non appartiene solo ai giovanissimi. Oggi in aula, proprio dal confronto con tanti ragazzi curiosi e interessati, è nata una narrazione affascinante, a tratti nostalgica, profondamente calata nel presente ma proiettata anche verso il futuro che conferma anche il valore dell’impegno costante mirato a coltivare i propri sogni, capaci di regalare soddisfazioni enormi e inaspettate".

L'evento si è concluso con il “selfie del selfie”, coinvolgendo gli studenti e i docenti presenti che sono divenuti protagonisti della Foto in pegno numero 4mila 750: la prima del 14esimo anno del progetto, pubblicata sul sito Onephotooneday.

Si parla di

Video popolari

Luca Abete a Viterbo, l'inviato di Striscia la notizia prof all'Unitus: "Il selfie è un linguaggio universale" | FOTO e VIDEO

ViterboToday è in caricamento