rotate-mobile
social

Borghi della Tuscia. Civita di Bagnoregio, la città che muore | FOTO

Una mini guida sui luoghi e centri di interesse di uno dei borghi più suggestivi della provincia

L'appellativo "Città che muore" le è stato conferito dallo scrittore Bonaventura Tecchi. Lui per primo è riuscito a sintetizzare la storia di questo luogo che, giorno dopo giorno, subisce l'inarrestabilità dell'erosione del tempo. 

Civita di Bagnoregio è, in assoluto, uno dei grandi gioielli della Tusca e del Centro Italia. Un posto ormai diventato tra le mete più gettonate per chi è alla ricerca di una pausa dallo stress e dalla frenesia della vita cittadina. Situata sulla vetta di un'altura tufacea è nota perché la sua esistenza è letteralmente appesa a un filo - a causa del processo di erosione a cui è soggetto il terreno su cui sorge - ed è raggiungibile attraverso un ponte sospeso che rappresenta l'unico accesso - pedonale - al borgo.

Civita è situata a circa un chilometro da Bagnoregio, comune capoluogo. Come detto, l'accesso è garantito attraverso la passerella che collega l'area parcheggio al borgo. Uno scrigno di tesori fondato dagli Etruschi e che, nel medioevo, ha conosciuto la sua prima espansione assumendo la forma attuale arricchita poi nel Rinascimento. Frane e terremoti, nei secoli, hanno ridotto l'estensione del paese facendo crollare a valle palazzi, torri e antiche porte d'ingresso. Nel periodo di massima magnificenza erano cinque gli accessi da cui si entrava a Civita. Oggi ne rimane solo una: porta Santa Maria detta anche “della Cava”. 

Testimonianza della fase etrusca di Civita, è la grotta di San Bonaventura, una tomba a camera nella quale si dice che San Francesco risanò il piccolo Giovanni Fidanza, che divenne celebre dottore della chiesa. E poi il “Bucaione”, un profondo tunnel che attraversa ai piedi, con sfogo sulla Valle dei Calanchi, lo sperone di argilla e tufo su cui poggia il borgo.

Cosa visitare a Civita di Bagnoregio

La valle dei calanchi

Porta Santa Maria

Chiesa di San Donato

Casa di San Bonaventura

Museo geologico delle frane

Cappella Madonna del carcere

Tunnel (al momento non agibile)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borghi della Tuscia. Civita di Bagnoregio, la città che muore | FOTO

ViterboToday è in caricamento